Lunedì 30 Novembre 2020, ore 12.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il 'genio' italiano sopravvivrà alla crisi

Costume e società, Economia ·
(Teleborsa) - Italiani in crisi nera, sempre più disoccupati, allo stremo e arrabbiati nei confronti della politica, ma pur sempre in grado di sopravvivere con il rafforzamento delle reti solidali e attraverso escamotage scaccia-guai.


E' questo il quadro emerso nell'ultimo Rapporto Censis presentato oggi.

Due sono gli effetti più negativi della crisi: il peggioramento del settore occupazionale e il drastico calo dei consumi.
Sul primo punto, il Censis spiega che tra il primo semestre 2011 e primo semestre 2012 il numero delle persone in cerca di lavoro è aumentato di oltre 700 mila unità a 2,75 milioni. A pagare il tributo maggiore sono i giovani che hanno visto andare in fumo 240 mila posti a loro destinati.

Il crollo dei consumi è causato invece dalle tre "r", come le definisce l'Istituto di ricerca: "risparmio, rinuncio, rinvio". Parole che si commentano da sole e che illustrano una realtà dalla quale poche famiglie stanno sfuggendo.
"Nel secondo trimestre la spesa delle famiglie è scesa poco meno del 4% in termini tendenziali mentre nel 2012 i consumi reali pro-capite, pari a poco più di 15.700 euro, sono tornati ai livelli del 1997. In "drastica riduzione" anche la propensione al risparmio, scivolata dal 12% del 2008 all'attuale 8%.

Ma non c'è rassegnazione per questa congiuntura avversa, anzi. Molti italiani hanno rafforzato la cooperazione (le imprese cooperative sono cresciute del 14% negli ultimi 10 anni) e trovato mezzi per risparmiare, per esempio lasciando l'auto in garage a vantaggio della bicicletta, coltivando un orto o vendendo i gioielli di famiglia.

Anche le scuole, in mancanza di fondi, si stanno reinventando, puntando soprattutto all'esternalizzazione con scambi culturali e soggiorni all'estero degli studenti.

Il Censis indica dunque "segnali di reazione degli italiani", spiegando che questa crisi ha causato vari "processi di riposizionamento nel sociale e nell'economia" non sempre negativi, anzi.

Infine c'è il senso di "rabbia", soprattutto nei confronti della politica indicata come principale causa di questo sfacelo.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.