Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Febbraio 2020, ore 19.23
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Oro e petrolio volano dopo ritorsione iraniana

Il metallo giallo è arrivato sin sopra i 1.610 dollari l'oncia, massimo dal 2013

Finanza ·
(Teleborsa) - E' scattata nuovamente la corsa ai beni rifugio, oro in particolare, dopo l'attacco missilistico di Teheran a due basi USA in Iraq, ritorsione per l'uccisione del generale Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti.

Il metallo giallo è arrivato sin sopra i 1.610 dollari l'oncia, massimo dal 2013, per poi portarsi stamane a 1.592,6 dollari (+1,17%). Le quotazioni del metallo prezioso continuano a galoppare sull'escalation delle tensioni in Medio Oriente, che potrebbero avere pesanti ripercussioni sui mercati finanziari. In rosso, infatti, tutte le principali piazze asiatiche.

Immediata anche la reazione del petrolio, con il WTI a 63,23 dollari al barile (+0,85%), dopo aver oltrepassato i 65 dollari nella notte. Ripiega dai massimi anche il Brent, portandosi a 68,98 dollari (+1,03%) dal massimo di 70,83 toccato nelle primissime ore di oggi 8 gennaio 2020.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.