Facebook Pixel
Milano 18-apr
0 0,00%
Nasdaq 18-apr
17.394,31 -0,57%
Dow Jones 18-apr
37.775,38 +0,06%
Londra 18-apr
7.877,05 +0,37%
Francoforte 18-apr
17.837,4 +0,38%

Energia, domani la proposta Ue per ridurre i consumi di gas: taglio obbligatorio in caso di crisi forniture

Economia, Energia
Energia, domani la proposta Ue per ridurre i consumi di gas: taglio obbligatorio in caso di crisi forniture
(Teleborsa) - Secondo quanto riportato da Ansa c'è anche il taglio obbligatorio dei consumi a livello Ue in caso di crisi sulle forniture di gas tra le misure contenute nella nuova bozza del piano Ue per la riduzione della domanda del gas, che sarà presentato domani. Sono stati invece eliminati i riferimenti (contenuti in una prima versione del testo) all'obbligo per gli edifici pubblici di limitare il riscaldamento a 19 gradi e i condizionatori a 25. Introdotto il principio di "massimo sforzo" per la riduzione energetica. Sforzo che, in caso di crisi della forniture, diventerebbe vincolante a livello Ue.

La proposta della Commissione si compone di una comunicazione e un allegato che includerà una proposta di regolamento, quindi di un atto legislativo che ha una sua obbligatorietà in tutti i paesi europei. Nelle ultime due pagine dell'allegato si immaginano due scenari, di "pre-allarme" e di "allarme". Nel primo si prevede l'approvazione di un regolamento che indica un target volontario di riduzione della domanda in tutti gli Stati, secondo il principio del "massimo sforzo". La percentuale di riduzione non è nel documento e, probabilmente, sarà oggetto di discussione domani in Collegio dei Commissari. In situazione di allarme, il taglio dei consumi diventerebbe obbligatorio. Anche in questo caso, la percentuale non è nota.

"Stiamo lavorando su tutti gli scenari possibili e uno degli scenari che abbiamo" è "la possibilità che il flusso di gas non riprenda", ha spiegato il portavoce della commissione per l'energia Tim McPhie rispondendo in particolare alla domanda se la Commissione si aspetti che i flussi sul gasdotto Nord Stream 1 si fermino. "Mentre stiamo preparando piani di emergenza invernali ci basiamo sul peggiore scenario possibile e questo è assolutamente ovvio", ha aggiunto il portavoce Eric Mamer.

Nel frattempo il Fondo Monetario Internazionale ha sottolineato che le interruzioni delle forniture di gas rappresentano un "significativo rischio economico per l'Europa. Un taglio totale prolungato causerebbe carenze nei paesi dell'Europa centrale e orientale che potrebbero sperimentare perdite in termini di PIL fino al 6%. Anche in Italia l'impatto sarebbe significativo anche se c'è un potenziale maggior per assicurarsi forniture alternative. Gli effetti in Austria e Germania sarebbero meno severi ma sempre significativi".

Condividi
```