Facebook Pixel
Milano 13:52
34.492 -0,42%
Nasdaq 23-lug
19.754 0,00%
Dow Jones 23-lug
40.358 0,00%
Londra 13:52
8.164 -0,04%
Francoforte 13:52
18.428 -0,70%

Tlc, l'appello delle aziende europee all'Ue: big tech devono contribuire alle reti

Economia
Tlc, l'appello delle aziende europee all'Ue: big tech devono contribuire alle reti
(Teleborsa) - Le grandi aziende europee delle telecomunicazioni hanno inviato una lettera alla Commissione europea per chiedere che i giganti del web siano chiamati a condividere i costi di rete. Tra i firmatari ci sono anche Pietro Labriola, ceo Tim e Alberto Calcagno, ad Fastweb, fra i 16 firmatari della lettera insieme ai ceo di Deutsche Telekom, Orange, Telefonica, Vodafone Group. Di base c’è una stretta connessione con le partite della sostenibilità e del risparmio energetico. "La digitalizzazione – hanno scritto i ceo – può ridurre le emissioni di CO2 fino al 20%. In questo contesto, la Ue dovrebbe intensificare i suoi sforzi per rendere la rete energetica europea più intelligente e accelerare l’adozione digitale in tutti i settori industriali. Noi siamo pronti".

"Le nostre aziende – prosegue la lettera – hanno mostrato, e continueranno a mostrare, determinazione nel promuovere il nuovo mercato europeo obiettivi di connettività (ovvero, copertura completa delle reti ad altissima capacità come fibra e 5G, entro il 2030). Il raggiungimento di questi obiettivi richiede sforzi crescenti da parte del nostro settore, che attualmente investe circa 50 miliardi di euro/anno in Europa, ma deve essere abilitato a fare di più e più velocemente, se si vuole raggiungere gli obiettivi in ??modo tempestivo".

Da qui richiesta che le Big Tech diano il loro contributo: "riteniamo che i più grandi generatori di traffico dovrebbero contribuire in modo equo agli ingenti costi che attualmente impongono alle reti europee. Dobbiamo garantire che l’Europa non soffra della scarsità di infrastrutture digitali. Un contributo equo andrebbe a vantaggio in primo luogo dei consumatori, poiché aiuterebbe a consentire un rollo-out (delle reti, ndr.) più rapido e inclusivo, portando maggiore copertura, resilienza e qualità".

Immediata la risposta di Google. "Non è un’idea nuova e sconvolgerebbe molti dei principi di Internet aperto", ha commentato Matt Brittin, presidente di Emea business & operations di Google. Tali argomenti, ha aggiunto Brittin, sono "simili a quelli che abbiamo sentito 10 o più anni fa e non abbiamo visto nuovi dati che cambino la situazione". Per il dirigente della big tech americana, se ciò dovesse avvenire "potrebbe avere un impatto negativo sui consumatori, soprattutto in un momento di aumento dei prezzi".

Condividi
```