Facebook Pixel
Milano 17:35
33.675,15 +1,37%
Nasdaq 18:00
19.880,93 -0,14%
Dow Jones 18:00
38.911,67 +0,20%
Londra 17:35
8.272,46 +0,82%
Francoforte 17:35
18.254,18 +1,03%

Imprese familiari, Roffia: passaggio generazionale momento cruciale

All'Università di Verona nuova edizione del corso in Gestione delle Imprese

Economia
Imprese familiari, Roffia: passaggio generazionale momento cruciale
(Teleborsa) - La gestione delle imprese familiari - visto il notevole peso di queste realtà nel nostro Paese - è un tema chiave per l'Italia: da qui l'esigenza di formare figure sempre più specializzate. Ne abbiamo parlato con Paolo Roffia, Direttore dei corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale in gestione delle imprese familiari - Dipartimento di Management presso l'Università di Verona che, nell'anno accademico che si sta svolgendo, tra i corsi di perfezionamento e aggiornamento ad hoc, ha previsto anche una nuova edizione del corso in Gestione delle imprese familiari.




Il corso - spiega Roffia - "è stato suddiviso in quattro parti: in questa prima edizione del modulo si affrontano le tematiche del passaggio generazionale, quindi, nel secondo, le tematiche che riguardano l'amministrazione e il controllo, nel terzo modulo spazio al tema dell'internazionalizzazione e infine nel quarto modulo, i temi del business plan e della finanza.

Le imprese familiari "sono un numero vastissimo, è difficile fare una statistica, ma almeno il 70% delle imprese - considerate tutte le dimensioni - hanno la natura di impresa familiare", osserva ancora il Professore sottolineando che "di queste le tematiche principali sono tematiche che hanno delle caratterizzazioni, perché la presenza della famiglia con il suo ruolo di condizionamento o l'influenza delle dimensioni che spesso hanno queste imprese familiari, generano sicuramente delle problematiche particolari. Il profilo delle competenze che entrano all'interno di queste imprese, ad esempio, deve essere costruito e valorizzato, ciò significa che hanno delle caratteristiche peculiari per le quali si è deciso di proporre un'offerta formativa mirata".

Tra gli argomenti trattati c'è quello del passaggio generazionale: quali sono le sfide e le opportunità?
Il passaggio generazionale - spiega Roffia - "è una tappa obbligata per tantissime imprese nell'arco dei prossimi anni, statisticamente, in base alla durata media delle imprese, moltissime di queste ormai hanno superato i 30 anni, il che vuol dire che ci stiamo avvicinando a una necessità di passaggio generazionale. Va da sè che è un tema che poi va rinnovato nel tempo, perché all'impresa ogni passaggio generazionale deve aggiungere qualcosa, non solo perché anagraficamente le persone all'interno devono succedere, devono alternarsi, ma anche perché il momento dell'alternanza è anche il momento in cui si recepiscono cose nuove, idee nuove e anche modelli di business che vengono ripensati e proposti in chiave differente".

Il corso è composto da altri tre moduli, quali sono i prossimi passi?

"Il secondo modulo partirà a brevissimo, per cui c'è ancora una settimana per potersi iscrivere ( è possibile reperire informazioni utili al sito www.corsogif.it ): il tema è quello dell'amministrazione e controllo e in questo perimetro si toccheranno le tematiche del bilancio, del controllo di gestione, si cercherà, in particolare, di far apprezzare tecniche che aiutano le imprese a migliorare la propria governance. Nei successivi, invece, si alterneranno, un modulo dedicato alla creazione con la forma della start-up oppure dell'allargamento delle linee di business, quindi la costruzione di un business plan, infine, un quarto e ultimo modulo dedicato al tema dell'internazionalizzazione e della digitalizzazione dei processi, che va ad abbracciare tutto quello che si è inserito sul tema dell'IT nel mondo delle aziende: dal fatto di creare dei processi digitali, abbiamo visto che durante la pandemia questa è stata una necessità di tutti, ma è anche stata l'occasione per fare un salto nella digitalizzazione che va portata a termine, ci sono molte opportunità, Industry 4.0, ormai abbiamo Industry 5, è giunta l'ora di avere anche questo approccio all'informazione digitale", conclude Roffia.
Condividi
```