Martedì 7 Luglio 2020, ore 07.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Draghi vede la luce in fondo al tunnel: la ripresa si fa più forte e stabile

Economia ·
(Teleborsa) - Sembra più ottimista che mai Mario Draghi sulla ripresa economica nella zona euro, specie dopo il lancio del quantitative easing.

Nella sua prima audizione alla Camera da presidente della BCE, il governatore ha dichiarato che "le prospettive di crescita sono in questo momento più favorevoli che negli ultimi anni", grazie agli "effetti positivi del crollo dei prezzi dei prodotto energetici, la politica monetaria espansiva e le riforme strutturali varate in diversi paesi dell'area che cominciano a fare sentire i propri effetti". La ripresa economica sta acquistando "forza e stabilità" mentre scema l'allarme deflazione, visto che l'inflazione tornerà "a valori prossimi al 2%".
Draghi ha poi rimarcato l'importanza delle riforme, necessarie per aumentare la produttività.

Buone nuove anche per l'Italia, che grazie alla spinta del quantitative easing potrebbe vedere l'economia crescere "di un punto percentuale entro il 2016".
"Intendiamo continuare con questi acquisti fino alla fine di settembre del 2016 o fino a quando l'inflazione non si avvicina durevolmente ai nostri obiettivi", ha spiegato Draghi rivelando che "le misure fino ad ora adottate si sono dimostrate efficaci".
Commenti
mirco molinari
offline

Spiegate a questo buon'uomo che se i prezzi torneranno a crescere ma gli stipendi non aumenteranno, le cose non potranno che peggiorare...non ci vuole poi tanto a capirlo.

Per il resto le dichiarazioni sull'efficacia delle misure adottate sono ridicole, per i cittadini credo sia cambiato poco da 2 settimane (dall'avvio de QE) a questa parte...comunque vedremo in futuro se l'ottimistico Draghi avrà ragione o meno...spero vivamente non si sbagli...

buona giornata

scritto il 27 marzo 2015 alle ore 09.14 · rispondi
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.