Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 24 Ottobre 2017, ore 11.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Immobiliare, le SIIQ scommettono su dimensione europea e unione per crescere

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Il settore delle SIIQ deve acquisire una dimensione europea e fare sistema. Sono gli auspici per la crescita del settore della finanza immobiliare condivisi dai leader dei gruppi italiani al termine del 25mo Forum Scenari, svoltosi nel fine settimana a Santa Margherita.

Nel corso della tavola rotonda che ha concluso il meeting, è emersa la necessità di una politica più incisiva del settore sia verso il settore pubblico che i media. Da un lato, tenuto conto dei tempi lunghi di ogni progetto immobiliare, bisogna assolutamente far capire alla Pubblica Amministrazione di realizzare piani con un orizzonte che vada oltre i singoli mandati. Dall'altro, la necessità di migliorare i rapporti con la stampa, in modo che i giornalisti siano meno esposti ai condizionamenti di fonti interessate a screditare i concorrenti.

Valter Mainetti, CEO e azionista di riferimento di Sorgente Group, a cui fa capo Nova Re SIIQ, ha sollecitato un maggiore impegno diretto degli stessi imprenditori in Assoimmobiliare, l’associazione di categoria. ‘’Siamo spesso bersaglio – ha detto con tono ironico, ma deciso – di una sorta di porno-giornalismo finanziario, ispirato da chi punta a far circolare notizie distorte.’’

Manfredi Catella, Ceo di Coima Res, ha posto l’accento sulla necessità delle SIIQ di raggiungere almeno una dimensione europea per attrarre meglio i capitali stranieri. ‘’ E’ però necessario che per primi diano prova di crederci gli investitori italiani", ha affermato, aggiungendo "per i nuovi PIR ( Piani Individuali di Risparmio) e il settore assicurativo le SIIQ possono rappresentare un’interessante opportunità.’’

Inoltre è necessario che il settore acquisisca più coraggio per competere con l’estero perché oggi sul piano della professionalità non manca nulla. In proposito, Mainetti ha annunciato che sta lanciando con la holding americana un fondo con marchio italiano negli Usa, rivolto agli investitori statunitensi. "La qualità delle nostre persone non si vede da nessuna parte del pianeta", ha dichiarato –Aldo Mazzocco di Generali ed ex Ad di Beni Stabili SIIQ.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.