Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 18 Agosto 2018, ore 14.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Redditi e consumi, Italia Cenerentola dell'Area euro

La BCE segnala che entrambi restano al di sotto dei livelli registrati nel 2008

Economia ·
(Teleborsa) - La ripresa dell'economia non sembra aver fatto decollare i redditi e i consumi delle famiglie italiane, che permangono ancora a livelli inferiori rispetto al 2008.

Secondo quanto emerso nell'ultimo Bollettino della Banca Centrale Europea, a dieci anni dall'inizio della grande recessione, in Italia (ma anche in Spagna), non si è completata la ripresa di redditi e consumi a differenza delle altre grandi economie dell'Area Euro, Germania e Francia.

"Se in alcuni grandi Paesi dell'Area si sono registrati forti cali dei consumi correlati alla Grande recessione e alla crisi del debito sovrano (ad esempio in Italia e in Spagna), altri Paesi (ad esempio Germania e Francia) sono stati meno interessati da tale fenomeno. A dieci anni dall'inizio della Grande recessione i consumi privati in Germania e in Francia si collocano a un livello più alto di circa il 10% rispetto al periodo a essa precedente. Per contro, i consumi in Italia e in Spagna non hanno ancora evidenziato una completa ripresa" sottolinea l'Eurotower, precisando però che a partire dal 2013 tutti gli Stati hanno registrato un andamento chiaramente improntato all'espansione.

A partire da questa data la crescita più vigorosa si è osservata in Spagna, dove gli effetti della recessione erano stati i più accentuati in assoluto.

Analogo discorso per i redditi da lavoro: nonostante gli incrementi generalizzati, in alcuni Paesi rimangono significativamente al di sotto dei livelli registrati prima del 2008. In Italia e in Spagna, ad esempio, i redditi reali da lavoro dipendente permangono significativamente inferiori rispetto a prima della crisi a causa della moderazione salariale indotta dalla crisi e della disoccupazione rimasta su livelli elevati.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.