Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Gennaio 2019, ore 15.48
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Crolla la produzione industriale in Italia, ma Di Maio allontana la recessione: "Può nascere nuovo boom economico"

"Quello che vogliamo realizzare per il Paese passa da una visione dei prossimi 10 anni", ha detto il Vicepremier pentastellato

Economia ·
(Teleborsa) - Sono dati a segno meno, dunque negativi, quelli che arrivano dall'Istat sulla produzione industriale italiana. A novembre 2018, infatti, è diminuita dell'1,6% rispetto ad ottobre e del 2,6% rispetto a novembre 2017. Nei primi undici mesi del 2018 la produzione industriale italiana è comunque cresciuta dell'1,2% rispetto all'anno precedente.
Profondo rosso nel settore delle auto. Sempre secondo i dati Istat, l'indice corretto per gli effetti di calendario ha registrato un calo del 19,4% su base annuale, cioè nel confronto con novembre 2017, e dell'8,6% su base mensile, ovvero nel confronto con ottobre 2018.

DI MAIO: "PUO' NASCERE NUOVO BOOM ECONOMICO" - Quadro fosco e nuvoloni all'orizzonte. Ma Luigi Di Maio fa professione di ottimismo e allontana il rischio recessione. A dispetto dei timori degli osservatori, parla di "nuovo boom economico, come negli anni '60, a partire dalle autostrade digitali". Lo ha detto il leader pentastellato intervenendo agli Stati generali di consulenti del lavoro. "Quello che vogliamo realizzare per l'Italia passa da una visione dei prossimi 10 anni", sostiene il ministro che citando Olivetti, ricorda: "il lavoro è la più grande sfida del nostro tempo. L'Italia deve essere in prima linea in questa fase di trasformazione, facendo del nostro Paese una smart nation".

Strappi nel governo? Solo competizione leale - "Io non vedo nessuna provocazione e nessuna volontà di strappare, semplicemente portiamo avanti delle istanze come forze politiche. Non bisogna meravigliarsi che tra due forze politiche ci sia una competizione leale", conclude Di Maio, pronto a tendere ancora la mano all'alleato di Governo.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.