Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Novembre 2019, ore 18.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ex Ilva, Conte: "Se Mittal lascia, gestione commissariale MiSE"

Scattato alle 7.00 di oggi, venerdì 8 novembre, lo sciopero di 24 ore indetto dai Sindacati. Intanto, rispunta la pista che porta a Jindal

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Se ci sarà il disimpegno da parte di ArcelorMittal, il primo step sarà la gestione commissariale al Ministero dello Sviluppo economico". Ad annunciarlo il Premier Giuseppe Conte - che nella mattinata di ieri è salito al Colle per parlare con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella - durante il tavolo a Palazzo Chigi con gli enti locali e le parti sociali, secondo quanto hanno riferito alcuni fonti presenti all'incontro di ieri. Il Premier ha poi chiesto alle istituzioni locali di sostenere come parti civili la difesa del contenzioso perché in tal modo "saremo più forti".

Sciopero di 24 ore in tutti gli stabilimenti di ArcelorMittal - Intanto, alle 7.00 di oggi, venerdì 8 novembre, è scattato lo sciopero di 24 ore proclamato dai sindacati Fiom, Fim e Uilm che interesserà, oltre all'impianto di Taranto, anche quelli di Genova, Cornigliano, Novi Ligure.

Una questione da affrontare con la massima urgenza e tempestività, come ha ribadito in aula alla Camera anche il Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli secondo il quale "Parlare di Ilva" significa parlare "della strategia industriale del nostro Paese. Voglio essere chiaro: il Governo parla con una voce sola. Pensare alla chiusura stabilimento Ilva ha un'immediata ricaduta sociale, ma ha anche un'immediata ricaduta su tutti i settori italiani legati all'acciaio. Non avere l'Ilva significa non avere un piano industriale serio per il Paese".

SPUNTA LA PISTA JINDAL - Nel frattempo, secondo alcune indiscrezioni stampa rilanciate in queste ore, torna calda la pista che porta a Sajjan Jindal, già proprietario delle ex acciaierie Lucchini di Piombino, gruppo Arvedi di Cremona e Cassa depositi e prestiti. Ovvero la cordata che, ai tempi del governo Gentiloni, aveva perso la gara proprio contro il colosso franco-indiano. Una conferma arriverebbe anche da Italia Viva. "Non tocca a Italia Viva cercare una nuova cordata ma se Mittal fa recesso, gli si fa causa, con penali onerosissime, e si va dal secondo in graduatoria", dice intervistato da Financialounge.com, Davide Faraone, Presidente dei senatori del partito guidato da Matteo Renzi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.