Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 28 Febbraio 2020, ore 23.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mini accordo su Libia non convince: petrolio sempre più caro

Il barile viene scambiato a oltre 65 dollari (quasi 60 per la qualità americana WTI)

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Il mercato sembra esprimere scetticismo sul mini accordo in Libia, raggiunto domenica al vertice di Berlino, fra i due protagonisti della guerra civile, il Generale delle forze armate Khalifa Haftar ed il capo del governo di unità nazionale Fayez al-Sarraj.

I due leader si sono accordati sulla tregua e sul monitoraggio internazionale sotto l'egida ONU, ma sarà da vedere se la tregua scatterà realmente"sul campo" - alla luce dei nuovi sconti alla periferia di Tripoli - e soprattutto se saranno rimossi i blocchi al petrolio voluti da Haftar.

Ed è in senso negativo che scommette stamattina il mercato petrolifero, con una quotazione del barile che continua a salire: il future sul Light crude, greggio americano, scambia a 58,91 dollari al barile, in rialzo dello 0,61%, mentre il Brent, petrolio nordeuropeo, cresce dello 0,71% attestandosi a 65,31 dollari. Un messaggio chiaro di scetticismo degli operatori dei mercati delle commodities.

Intanto, i campi petroliferi in Libia restano bloccati e non si parla ancora di una loro riapertura, nonostante la bozza di accordo esortasse le due parti a "fermare tutte le ostilità contro le strutture petrolifere". La National Oil Corporation (NOC), compagnia statale libica ormai sotto l'influenza del Generale Haftar, alla vigilia del vertice, è stata costretta a chiudere i terminal petroliferi della Cirenaica e bloccare l'export di greggio. Si parla di un danno da 700 mila barili al giorno per un valore di circa 47 milioni di dollari.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.