Facebook Pixel
Domenica 19 Settembre 2021, ore 15.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Istat, pandemia colpisce più duramente Centro-Nord: PIL -9% nel 2020

Economia ·
(Teleborsa) - La crisi pandemica scoppiata a marzo 2020 ha colpito più duramente le regini del Centro-Nord d'Italia, che hanno subito un calo tanto maggiore del PIL quanto più acuta è stata la crisi sanitaria, che come noto ha investito soprattutto la Lombardia, il Piemonte e l'Emilia-Romagna.



Nel 2020, le aree del Nord-ovest e del Nord-est hanno sofferto particolarmente, registrano complessivamente un calo del PIL del 9,1%, mentre se si considera il Centro-Nord il calo si attesta a -9%. Entrambi i dati sono superiori alla media nazionale, che ha registrato una contrazione del Prodotto interno lordo dell'8,9%. La flessione è stata meno accentuata al Centro (-8,8%) ed al Sud (-8,4%).

Il settore più penalizzato dall’emergenza sanitaria è stato quello del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni che al Nord-est e nel Mezzogiorno ha perso il 14,5% del valore aggiunto, registrano un calo meno marcato al Centro (-12,9%) e nel Nord-Overt (-12,2%). Non va meglio per l'Industria che segna un calo che va dall'11,9% del Nord-Ovest al 9,9% del Sud con una media nazionale che si attesta a -11,1%.

Quanto all'occupazione, si registra una diminuzione più omogenea a livello territoriale: -2,1% nel Nord-ovest e nel Mezzogiorno, -2% nel Nord-est e -1,9% nel Centro.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.