Facebook Pixel
Milano 17:35
33.308,77 -1,09%
Nasdaq 21:49
19.714,87 -0,19%
Dow Jones 21:49
39.143,22 +0,02%
Londra 17:35
8.237,72 -0,42%
Francoforte 17:35
18.163,52 -0,50%

EY, in Germania previsto taglio centinaia di posti di lavoro dopo scandalo Wirecard

Previsto il licenziamento di quaranta partner e 380 dipendenti

Economia
EY, in Germania previsto taglio centinaia di posti di lavoro dopo scandalo Wirecard
(Teleborsa) - EY (Ernst&Young) in Germania prevede di tagliare 40 partner e 380 dipendenti con l'obiettivo di migliorare la redditività dopo i danni generati dallo scandalo Wirecard. È quanto riporta il Financial Times questa mattina.

La maggior parte dei 40 partner che si avviano all'uscita sono nella pratica di revisione contabile della società, una delle Big Four mondiali (insieme a Kpmg, Pwc e Deloitte), rappresentando circa il 5% dei partner azionari e stipendiati nel business tedesco.



La ricaduta di Wirecard ha colpito la crescita di EY in Germania, lasciandola con più personale del necessario. In tale scenario la maggior parte dei tagli di posti di lavoro – secondo quanto riporta il Financial Times – mirano a ridurre i costi di back-office presso l'azienda tedesca, una delle più grandi operazioni di EY in 150 paesi.

Dopo il suo coinvolgimento nello scandalo Wirecard, EY ha perso diversi importanti mandati di audit in Germania, tra cui Commerzbank, DWS e KfW. Attraverso il piano di licenziamento – l'ultima di una serie di misure di riduzione dei costi nella rete internazionale della società di contabilità – EY cerca di rispondere all'incertezza economica e di aumentare la valutazione della sua attività di consulenza globale prima di una scissione dalle sue operazioni di revisione. Il progetto tedesco di riduzione dei costi è stato chiamato internamente "Zugspitze", un riferimento alla montagna più alta del paese, mentre la scissione di audit e consulenza è stata denominata in codice "Everest".

EY Germany ha registrato ricavi per 2,1 miliardi di euro nei 12 mesi fino a giugno 2022, tornando ai livelli del 2020 dopo un calo nel 2021.

(Foto: freedomtumz | 123RF)
Condividi
```