Facebook Pixel
Lunedì 26 Febbraio 2024, ore 08.38
Azioni Milano
09 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bank of England alza tassi di 25 pb al 5,25%. Comitato diviso

Finanza ·
(Teleborsa) - Il Monetary Policy Committee (MPC) della Bank of England ha votato a maggioranza di 6-3 per aumentare il tasso di interesse chiave di 25 punti base al 5,25%, centrando le attese del mercato. Il resoconto dei vori ha mostrato un MPC diviso: due membri avrebbero preferito aumentare il tasso bancario di 0,5 punti percentuali, al 5,5%, e un membro avrebbe preferito mantenere il tasso bancario al 5%.

Dato il significativo aumento del Bank Rate dall'inizio del ciclo di inasprimento, "l'attuale orientamento di politica monetaria è restrittivo", si legge nello statement rilasciato al termine della riunione. Il MPC "continuerà a monitorare da vicino le indicazioni di persistenti pressioni inflazionistiche e la resilienza dell'economia nel suo complesso, compresa la rigidità delle condizioni del mercato del lavoro e il comportamento della crescita dei salari e dell'inflazione dei prezzi dei servizi". "Se dovessero esserci prove di pressioni più persistenti, sarebbe necessario un ulteriore inasprimento della politica monetaria", viene sottolineato.

Bank of England osserva che la crescita sottostante del PIL trimestrale è stata di circa lo 0,2% durante la prima metà di quest'anno e si aspetta un tasso di crescita simile nel breve termine, riflettendo una maggiore resilienza del reddito familiare e dei volumi di vendita al dettaglio e la maggior parte dei sondaggi aziendali nel mese scorso.

L'inflazione rimane ben al di sopra dell'obiettivo del 2% e "si prevede che scenderà ulteriormente in modo significativo, a circa il 5% entro la fine dell'anno", a causa della minore inflazione dei prezzi dell'energia e, in misura minore, dei prodotti alimentari e dei beni di base. L'inflazione dei prezzi dei servizi, tuttavia, dovrebbe rimanere elevata vicino al tasso attuale nel breve termine.

Il Comitato continua a ritenere che "i rischi relativi alle previsioni di inflazione siano inclinati verso l'alto, anche se in misura minore rispetto a maggio, riflettendo la possibilità che gli effetti di secondo impatto degli shock dei costi esterni sull'inflazione dei salari e dei prezzi interni richiedano più tempo per attenuarsi rispetto hanno fatto emergere".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.