Facebook Pixel
Milano 23-apr
0 0,00%
Nasdaq 23-apr
17.471,47 +1,51%
Dow Jones 23-apr
38.503,69 +0,69%
Londra 23-apr
8.044,81 +0,26%
Francoforte 23-apr
18.137,65 +1,55%

Salario minimo, Salvini: irrispettoso verso chi produce lavoro e ricchezza

Economia
Salario minimo, Salvini: irrispettoso verso chi produce lavoro e ricchezza
(Teleborsa) - "Io parlo a quanti spesso e volentieri rinunciano a fine mese al loro stipendio per pagare i loro dipendenti e collaboratori. Parlare di salario minimo penso sia irrispettoso di un privato che produce lavoro e ricchezza e che ha una qualità di lavoro e stipendio ben superiore a quello che qualcuno vorrebbe. Imporre per norma, calando dall'alto burocraticamente un salario minimo orario, significa mettere in difficoltà tantissimi commercianti, artigiani e piccoli imprenditori". Lo ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, in un videomessaggio all'assemblea annuale di Confesercenti. Significa "per assurdo – ha affermato – portare indietro i dipendenti che in Italia sono coperti da contratti collettivi nazionali per il 97%, quasi sempre superiori rispetto a quanto previsto da qualcuno con il salario minimo".

Sempre in tema lavoro, il ministro è tornata sulle polemiche sul diritto allo sciopero. "Diritto allo sciopero sì, ma senza bloccare giorno e notte il Paese", ha dichiarato. "Mi sto occupando del diritto alla mobilità – ha proseguito – penso allo sciopero che una minoranza di sigle sindacali ha indetto per venerdì prossimo, per 24 ore in tutto il Paese e su tutto il trasporto pubblico locale. Ovviamente, non voglio ledere il diritto di sciopero che è sancito, tutelato e previsto dalla Costituzione. Però devo garantire anche il diritto al lavoro, alla salute e alla mobilità per 20 milioni di italiani che ogni giorno prendono i mezzi pubblici".

Quello attuale è "un momento delicato di forti cambiamenti economici", ha sottolineato Salvini. "Penso al tema delle competenze che bisogna acquisire e aggiornare – ha detto – ci stiamo lavorando con il ministro dell'Istruzione, che punta su Its e accademie. E come Governo mandando ad esaurimento quel Reddito di Cittadinanza che, alla prova dei fatti, si è dimostrato un disincentivo al lavoro invece che una nuova opportunità di formazione. Un esaurimento del reddito, fatto salvo chi non può lavorare, che metterà sul campo forza lavoro giovane e che dovrà fare delle scelte".
Condividi
```