Facebook Pixel
Milano 19-apr
33.922,16 +0,12%
Nasdaq 19-apr
17.037,65 -2,05%
Dow Jones 19-apr
37.986,4 +0,56%
Londra 19-apr
7.895,85 +0,24%
Francoforte 19-apr
17.737,36 -0,56%

“Più energia in circolo”, A2A continua ad investire in un primato italiano per la leadership tecnologica in Europa

Economia
“Più energia in circolo”, A2A continua ad investire in un primato italiano per la leadership tecnologica in Europa
(Teleborsa) - Mettere l’energia in circolo, cosi` da non sprecare nulla, recuperando ogni calore di scarto che possa contribuire alla decarbonizzazione del teleriscaldamento della citta`. Questo l’obiettivo raggiunto da A2A a Brescia attraverso un investimento di circa 110 milioni di euro per rendere il termoutilizzatore ancora piu` efficiente e sostenibile, di cui 45 destinati agli impianti che consentono un ulteriore taglio delle emissioni. Grazie a una tecnologia innovativa sara` possibile generare energia termica in piu` per 12.500 famiglie a parita` di rifiuti trattati, riducendo cosi` l’uso del gas per alimentare la rete del teleriscaldamento e portando il rendimento dell’impianto vicino al 100% (dall’84% al 98%).

La soluzione e` stata inaugurata oggi dall’Amministratore Delegato di A2A Renato Mazzoncini alla presenza delle istituzioni: Laura Castelletti, Sindaca di Brescia; Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia ed Emanuele Moraschini, Presidente Provincia di Brescia.

"Questa tecnologia si aggiunge ai numerosi progetti realizzati negli ultimi anni per rendere sempre piu` efficiente il sistema ambiente-energia di Brescia. Grazie ai livelli di raccolta differenziata raggiunti e al recupero di energia dai rifiuti non riciclabili, la citta` ha azzerato il conferimento in discarica - ha spiegato Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A -. Con la nuova linea fumi, che massimizza l’efficienza del termoutilizzatore, incrementiamo l’energia termica prodotta dal TU destinata al riscaldamento delle famiglie bresciane. Un progetto che conferma l’impegno di A2A per la decarbonizzazione del tessuto urbano e il riutilizzo dell’energia disponibile sul territorio. Stiamo lavorando affinche´ il teleriscaldamento utilizzi sempre piu` il calore di scarto dei grandi impianti industriali per riscaldare senza produrre CO2. Un modello di circolarita` che vede Brescia apripista ma che vogliamo esportare negli altri territori".

Quello che 50 anni fa e` nato come un laboratorio, con la prima rete di teleriscaldamento in Italia, oggi e` il modello Brescia: un sistema integrato energia-ambiente in grado di coniugare produzione di energia elettrica e calore, teleriscaldamento e gestione del ciclo dei rifiuti, azzerando il ricorso alla discarica.

Un processo virtuoso che e` stato ulteriormente migliorato. Si e` infatti concluso il progetto di "flue gas cleaning" con l’avvio su tutte le tre linee dei nuovi sistemi di trattamento fumi e recupero di energia che consentiranno di immettere nella rete di teleriscaldamento 164 GWh/anno di calore aggiuntivo ad impatto ambientale nullo, massimizzando il rendimento dell’impianto e restituendo ai cittadini la quasi totalita` dell’energia potenziale contenuta nei rifiuti sotto forma di energia elettrica e termica. Una best practice sul fronte della transizione ecologica che, oltre a rimettere in circolo il calore presente nei fumi, tagliera` ulteriormente le emissioni, i cui valori, gia` ampiamente sotto la soglia di legge, saranno mediamente ridotti del 40%.

L’impianto recupera ogni anno energia elettrica e termica da circa 720.000 tonnellate di rifiuti non altrimenti riciclabili, evitando lo smaltimento in discarica e al tempo stesso, il ricorso a combustibili fossili per riscaldare e fornire energia elettrica alla citta`. Le tre linee del termoutilizzatore generano oltre il 70% del calore distribuito dalla rete di teleriscaldamento (861 Gwh termici nel 2023) ed energia elettrica pari al fabbisogno di 180.000 famiglie (506 Gwh nel 2023). Numeri che consentono di risparmiare circa 160mila tonnellate equivalenti di petrolio l’anno, evitando l’emissione in atmosfera di 830mila tonnellate di CO2 (dato 2023), pari all’anidride carbonica assorbita da oltre 5 milioni di alberi.

Se il modello Brescia, dove tutti i rifiuti vengono recuperati o come materia o come energia e nulla va in discarica, fosse applicato anche al resto del Paese, l’Italia farebbe un passo avanti nella transizione ecologica. L’Italia deve infatti ancora colmare un gap impiantistico nella gestione dei rifiuti: oggi smaltisce circa il 19% dei propri rifiuti in discarica, un valore lontano dal target europeo del 10% fissato per il 2035, mentre a Brescia si e` raggiunto lo 0%. Per consentire a tutti i cittadini di toccare con mano il funzionamento del termoutilizzatore e le sue caratteristiche, domenica 3 e domenica 10 marzo l’impianto sara` aperto per visite guidate gratuite.
Condividi
```