Facebook Pixel
Milano 17:35
33.308,77 -1,09%
Nasdaq 22:00
19.700,43 -0,26%
Dow Jones 22:04
39.150,33 +0,04%
Londra 17:35
8.237,72 -0,42%
Francoforte 17:35
18.163,52 -0,50%

Def, ecco perché sarà una versione "light"

Economia
Def, ecco perché sarà una versione "light"
(Teleborsa) - Sarà un Def "light" quello che il governo si troverà ad esaminare e ad approvare oggi in Consiglio dei Ministri. Nessun quadro programmatico come di consueto è previsto per questo genere di documento ma solo un quadro tendenziale triennale. Anche il governo Draghi alla fine del 2022 aveva preso una decisione simile, ma in quel caso la volontà era di non imporre decisioni al futuro governo che sarebbe stato eletto di lì a pochi mesi. Questa volta, spiegano fonti governative, il Documento di economia e finanza dovrebbe avere un’impostazione diversa perché sono cambiate le regole di programmazione economica e di conseguenza sono previste nuove tempistiche.

Le regole di governance in via di approvazione introducono un nuovo strumento di programmazione, il Piano fiscale-strutturale di medio termine, che a regime dovrà essere presentato alle autorità europee entro il 30 aprile (con una cadenza allineata alla durata della legislatura nazionale, che nel nostro ordinamento è fissata in cinque anni). Per l’anno in corso sarà applicato un regime transitorio, che prevede la presentazione del Piano alla Commissione europea entro il 20 settembre. L’approvazione del Piano implica un processo che richiede il contributo di diverse istituzioni e un confronto costruttivo sia con il Parlamento sia con la Commissione europea che dovrà poi valutarlo.

Queste nuove regole però non sono ancora in vigore e quindi, nella fase attuale in cui mancano ancora le indicazioni operative su come dovrà essere impostato il Piano, è stata concordata a livello europeo la possibilità di sospendere le vecchie procedure per evitare di svuotare l’atto politico di contenuto. Un processo lineare che si concluderà in tempo per la messa a punto della Legge di Bilancio per il 2025, senza nessun rischio di generare incertezze sui mercati.

Sarà quindi nel Piano fiscale strutturale che il Governo fornirà tutti gli elementi utili alla costruzione della nuova manovra. Il documento sarà quindi molto più asciutto rispetto ai documenti degli anni passati.

Infine, per quanto riguarda le previsioni sulla crescita economica, il Governo intenderebbe proseguire sul metodo adottato finora, fornendo numeri il più possibile realistici, non gonfiati né troppo impostati alla prudenza, al netto tuttavia della congiuntura internazionale volatile a causa dei conflitti in atto. Un metodo di lavoro che ha dato e continua a dare risultati". Dal documento emergerà, inoltre, il pesante impatto del superbonus sui conti pubblici e sui dati macroeconomici di riferimento.
Condividi
```