Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 21 Gennaio 2019, ore 08.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Rider, tutele al vaglio del Governo: stop al pagamento a cottimo e rimborso per le bici

Tra le ipotesi anche salario minimo, un tetto alle consegne e al numero di ore settimanali

Economia ·
(Teleborsa) - Giovedì 17 gennaio arriverà in Consiglio dei Ministri il tanto atteso decretone su Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. Collegate al provvedimento anche le norme per regolare il lavoro dei rider, al centro del dibattito politico ormai da mesi e tornato d'attualità dopo la recente sentenza della Corte d'Appello di Torino sul caso Foodora che, accogliendo il ricorso di ex 5 rider, ha stabilito che hanno diritto a ferie e tredicesima.

IL GOVERNO STUDIA LE TUTELE - Divieto di pagamento a cottimo, massimo tre consegne l'ora, paga oraria minima, massimo 35 ore a settimana, un forfait come indennità di fine rapporto, rimborso spese per la manutenzione dei mezzi utilizzati, generalmente bici o scooter.

Queste alcune delle ipotesi per disciplinare il lavoro dei rider contenute in un documento che il ministero del Lavoro ha inviato alle parti, e che potrebbero essere incluse tra le norme che il governo è intenzionato a inserire nell'iter di conversione del decretone su reddito e pensioni, come ha annunciato Pasquale Tridico.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.