Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Giugno 2019, ore 08.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, rischi geopolitici pesano su offerta ma si guarda a vertice OPEC

Il mercato del petrolio e le prospettive viste da Koen Straetmans, Senior Strategist Multi Asset di NN Investment Partners

Finanza ·
(Teleborsa) - Tempi difficili per le commodities ed in particolare per il petrolio, che scontano una serie di fattori negativi, quali la frenata dell'economia mondiale e la guerra commerciale USA-Cina, che hanno innescato una fuga dagli asset più rischiosi, a dispetto delle politiche di stimolo messe in campo da banche centrali e Cina. Il mercato del petrolio, in particolare, sconta un alto livello di scorte ed una domanda che ristagna, mentre si guarda al prossimo vertice OPEC del 25 giugno come un'ancora di salvezza per le quotazioni del barile. Lo dice uno studio di Koen Straetmans, Senior Strategist Multi Asset di NN Investment Partners.

Le quotazioni petrolifere sono risalite oggi per fattoti contingenti, dopo il tracollo riportato ieri. Il WTI scambia a 52,27 dollari (+2,2%) ed il Brent a 61,43 dollari (+2,26%) sulla notizia di un incidente a due petroliere al largo dell'Oman.

"Per quanto riguarda il mercato petrolifero - sottolinea l'analista - le previsioni sulla domanda sono state finora ridotte solo marginalmente, fino a livelli di crescita ancora dignitosi di circa 1,2-1,3 milioni di barili al giorno nel 2019, ed i mesi estivi sono la stagione in cui la domanda di norma è forte. Tuttavia, a seguito delle crescenti tensioni geopolitiche, hanno iniziato a manifestarsi le preoccupazioni per un indebolimento della domanda petrolifera, con conseguente correzione dei prezzi del greggio nel mese di maggio. Ciononostante, l'impatto sull'offerta dovrebbe superare l'effetto della domanda, sostenendo i prezzi".

"La decisione degli Stati Uniti di aumentare la pressione sull'Iran ponendo fine alle deroghe alle sanzioni da maggio in poi per otto paesi che importano petrolio iraniano - spiega lo strategist di NN Investment Partners - continua a far sentire le sue conseguenze. Si stima che le esportazioni di greggio iraniano siano scese ulteriormente al di sotto di 0,5 milioni di barili al giorno da oltre 1 milioni di barili al giorno un mese fa, mentre la produzione ha continuato a diminuire e ora è di circa 2,3 milioni di barili al giorno, un calo di circa 1,5 milioni di barili al giorno dai livelli di maggio dello scorso anno, quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo nucleare e hanno annunciato le nuove sanzioni. L'Iran sembra meno propenso ad attuare la sua minaccia di bloccare lo Stretto di Hormuz, attraverso il quale scorre circa il 40% del commercio mondiale di petrolio greggio e prodotti petroliferi, ma la possibilità rimane potenzialmente dirompente".

"Nel frattempo - spiega - la tensione militare in Libia sta mantenendo a rischio circa 600.000 barili al giorno di produzione. Quella del Venezuela è scesa ulteriormente al di sotto dei 500.000 barili al giorno, mentre la scarsità di risorse finanziarie e la mancanza di investimenti in passato rendono improbabile il ripristino della produzione petrolifera nel prossimo futuro anche in un ambiente politico normalizzato".

"Il gruppo Opec+ (OPEC e membri esterni quali Russia, Ndr) dovrebbe mantenere un atteggiamento attendista fino alla riunione prevista per il 25-26 giugno, continuando a rispettare l'accordo sul taglio della produzione. Inoltre, il comitato ministeriale misto di controllo del gruppo ha annunciato nella riunione di Geddah che intende prorogare l'accordo nella seconda metà dell'anno. La riunione dell'OPEC di fine giugno sarà interessante, non solo per quanto riguarda l'estensione dell'accordo sul taglio di produzione fino a fine anno, ma anche per quanto riguarda le dimensioni del taglio. Molto dipenderà dalla situazione del mercato in quel momento e dalle ulteriori ricadute della mancata proroga delle deroghe iraniane. Sembra ora probabile che l'Arabia Saudita aumenterà con cautela la produzione petrolifera".

"In termini di posizionamento degli investitori nel petrolio - afferma Koen Straetman - la recente preoccupazione per il calo della domanda dovuto alle tensioni commerciali ha portato ad un rapido declino del posizionamento netto a lungo termine. Inoltre, la curva petrolifera resta in una fase di backwardation, il che implica roll yield positivi e aumenta l'attrattiva delle nuove posizioni lunghe nel petrolio".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.