Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 29 Maggio 2020, ore 22.24
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, Federdistribuzione suona l'allarme

La situazione di crisi attuale ridurrà i ricavi del settore della Distribuzione (alimentare e non alimentare) dal 20,5% al 28,2% nei diversi scenari ipotizzati

Economia ·
(Teleborsa) - L'emergenza Covid-19 rappresenta uno shock senza precedenti per l'economia italiana e globale: è il primo combinato di domanda e di offerta. The European House - Ambrosetti ha presentato il rapporto "Quali impatti dell'emergenza Covid-19 sul settore della Distribuzione in Italia", nel corso di una conferenza stampa digitale realizzata con Federdistribuzione, che analizza gli effetti della situazione di crisi attuale generata dall’emergenza sanitaria su consumi, ricavi, occupazione, investimenti e costi della Distribuzione food e non food, delineando anche una roadmap operativa per la ripartenza.

Partendo dall'analisi di oltre 250.000 bilanci di imprese del settore negli ultimi 5 anni, dei consumi degli italiani nei primi due mesi di lockdown e da una survey ai Vertici delle imprese della Distribuzione, i consulenti di The European House - Ambrosetti stimano che a fine 2020 i ricavi totali del settore della distribuzione (food e non food) diminuiranno tra il 20,5% (scenario senza ondata epidemica di ritorno e con un impatto medio-basso sui redditi delle famiglie italiane pari all'8%) e il 28,2% (scenario senza ondata epidemica di ritorno, con uno shock intenso sui redditi delle famiglie).

Particolarmente negativo sarà l'andamento dei ricavi delle imprese della distribuzione non alimentare (da -36,7% a -49,4%), mentre quelli delle imprese della Distribuzione alimentare subiranno un impatto più limitato (da +0,7% a -3,1% nei diversi scenari ipotizzati). La riduzione dei ricavi avrà un impatto negativo rilevante sulle casse dello Stato in termini di IVA non riscossa, che varierà tra 24,4 miliardi di euro (superiore del 60% rispetto a tutte le spese per la protezione sociale e 4,5 volte la spesa per l'Università) e 32,9 miliardi di Euro. Al mancato incasso dell'IVA si aggiungerà anche la perdita erariale per il mancato gettito sull'attività economica delle imprese del settore.

Lo studio mette in evidenza che la contrazione dei ricavi del settore della distribuzione avrà impatti occupazionali rilevanti, soprattutto nel settore della Distribuzione non alimentare, con una quota di occupati a rischio tra il 15,5% (circa 220.000 occupati) e il 26,9% (circa 380.000). Poichè più del 60% degli occupati del settore della Distribuzione è donna, saranno proprio le donne a subire un impatto maggiore, in un Paese che è già al penultimo posto in Europa per tasso di occupazione femminile (53,8%).

"Se l’Italia vuole tornare a crescere deve, tra le altre cose, preoccuparsi di sostenere i consumi, che rappresentano il 60% del PIL, a partire dai consumi di beni alimentari e non alimentari che pesano per il 22% del PIL – dichiara Valerio De Molli, Managing Partner & CEO, The European House – Ambrosetti – Distribuzione alimentare e non alimentare sono un settore economico strategico per il futuro del Paese, con 542 miliardi di euro di fatturato generato, oltre 2,3 milioni di occupati e 9,8 miliardi di euro di investimenti attivati nel 2019 e hanno rappresentato un motore di crescita e modernizzazione importante negli ultimi anni.”
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.