Facebook Pixel
Martedì 29 Novembre 2022, ore 10.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Studio BCE: donne hanno aspettative d'inflazione più elevate rispetto a uomini

Finanza ·
(Teleborsa) - Le donne tendono ad avere aspettative di inflazione più elevate rispetto agli uomini e questo divario, secondo i risultati del nuovo Consumer Expectations Survey (CES) della BCE, è abbastanza consistente: le aspettative di inflazione delle donne e degli uomini che partecipano al CES differiscono di quasi un punto percentuale. Ci sono diversi fattori che spiegano questo divario. In primo luogo, in media, le donne pongono maggiore enfasi sull'inflazione alimentare percepita. In secondo luogo, gli uomini sono più fiduciosi riguardo alle loro aspettative di inflazione. Tuttavia, quando le donne e gli uomini ricevono nuove informazioni sulle variazioni di prezzo, anche se possono variare a seconda delle esperienze personali, entrambi adeguano le proprie aspettative di inflazione a un tasso simile.

In generale, le aspettative di inflazione del consumatore medio dell'area euro dipendono da come lui o lui percepisce l'inflazione in tutte le principali categorie di spesa: cibo, salute, abbigliamento, trasporti, servizi pubblici e servizi abitativi. Tutti questi contano, ma la percezione dell'inflazione alimentare pesa di più, scrivono i ricercatori di Francoforte.

Dalla ricerca emerge che il divario di genere nell'influenza dell'inflazione alimentare percepita sulle aspettative di inflazione non esiste nei consumatori di età inferiore ai 34 anni ed è più alto per le donne di età compresa tra 35 e 49 anni.



Lo studio stima che un aumento di un punto percentuale dell'inflazione alimentare percepita aumenterà le aspettative di inflazione a breve termine (a un anno) delle donne di 0,40 punti percentuali. Al contrario, l'impatto sulle aspettative degli uomini è di 0,26 punti percentuali. In realtà, la quota di cibo, bevande e tabacco nell'indice dei prezzi è in realtà solo del 21%.

Gli uomini sembrano essere più influenzati dalla percezione dell'andamento dell'inflazione dei trasporti, dell'abbigliamento e degli alloggi, sottolineano gli autori dello studio (Virginia Di Nino, Aleksandra Kolndrekaj e Aidan Meyler).

(Foto: sosinda / Pixabay)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.