Facebook Pixel
Venerdì 3 Febbraio 2023, ore 13.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ucraina, Scholz: la Germania deve essere pronta a un'escalation. Gazprom taglia le forniture a Kiev

Economia ·
(Teleborsa) - Il cancelliere Olaf Scholz ha affermato che la Germania "deve essere pronta a un'escalation in Ucraina". La dichiarazione è arrivata durante una conferenza a Berlino ospitata dal quotidiano Süddeutsche Zeitung ed è stata riportata dal quotidiano britannico Guardian. "Alla luce degli sviluppi della guerra e dei visibili e crescenti fallimenti della Russia, dobbiamo essere pronti a un'escalation", ha sottolineato Scholz. Secondo quanto riportano le amministrazioni regionali ucraine nelle ultime 24 ore, le forze russe hanno bombardato le regioni di Sumy, Kherson, Kharkiv, Dnipropetrovsk, Chernihiv, Zaporizhzhia, Luhansk e Donetsk. Il bilancio è di almeno 11 le persone rimaste uccise e 20 feriti.

Nel frattempo, Gazprom è tornata a minacciare le forniture di gas verso l'Europa. La compagnia energetica russa ha infatti fatto sapere che ridurrà da lunedì i flussi di gas attraverso l'Ucraina, ultima rotta del gas russo verso l'Europa. Secondo Gazprom l'Ucraina tratterrebbe parte del metano destinato alla Moldavia. "Dalle 10 del 28 novembre Gazprom inizierà a ridurre la fornitura di gas al gis (stazione di compressione, ndr) di Sudzha per il transito attraverso l'Ucraina per un quantitativo pari a quello giornalmente non consegnato", ha affermato Gazprom attraverso il suo canale Telegram.

L'accusa nei confronti di Kiev è di essersi impossessata complessivamente di 52,52 milioni di metri cubi di gas, di cui 24,945 milioni di metri cubi solo novembre. Ogni giorno transitano attraverso l'Ucraina circa 42 milioni di metri cubi di gas russo. La mossa di Gazprom arriva in concomitanza con l'avvio in Europa della stagione termica e ha contribuito al rialzo del prezzo del gas ad Amsterdam, dove i future Ttf avanzano del 2,6% a 119,1 euro al megawattora.

Dall'Ucraina negano di aver trattenuto gas destinato alla Moldovia. "Tutti i volumi di gas naturale che sono stati accettati dalla federazione russa al punto di entrata 'Sudzha' per il trasporto" in Moldavia "sono stati completamente trasferiti ai punti di uscita di 'Oleksiivka' e 'Grebenyky'", ha replicato alle accuse l'operatore di rete ucraino(Gtsou). "Non è la prima volta che la Russia utilizza il gas come strumento di pressione politica. Manipola i fatti per giustificare la decisione di limitare ulteriormente i volumi di forniture ai Paesi europei", ha dichiarato Olga Bielkova, a capo degli affari internazionali di Gtsou.








Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.