Facebook Pixel
Milano 9:29
34.567,59 +0,22%
Nasdaq 24-mag
18.808,35 0,00%
Dow Jones 24-mag
39.069,59 0,00%
Londra 24-mag
8.317,59 0,00%
18.719,38 +0,14%

Manovra, da assegno unico a pensioni: le novità

Aumento a 25.000 euro della soglia di reddito entro la quale si applica il taglio del cuneo fiscale del 3%

Economia, Politica
Manovra, da assegno unico a pensioni: le novità
(Teleborsa) - È stato depositato nella tarda notte di ieri, intorno alle 3, l'ultimo emendamento del governo alla manovra, che contiene le principali misure annunciate ieri sera in Commissione bilancio dal Ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti. Si tratta del terzo pacchetto di proposte di modifica dell'esecutivo che di fatto riscrive molti articoli del disegno di legge. Tra le novità figurano le misure per agevolare le società sportive nel pagamento dei debiti fiscali, l'aumento a 25.000 euro della soglia di reddito entro la quale si applica il taglio del cuneo fiscale del 3%, l'aumento delle pensioni minime a 600 euro per gli over 75, l'intervento sul reddito di cittadinanza che nel 2023 sarà versato per sette mesi anziché per otto, l'aumento del 50% dell'assegno unico per le famiglie con quattro figli o più, il congedo parentale di un mese all'80% riconosciuto anche al padre. Nell'emendamento del governo anche un corposo pacchetto di misure sull'energia.



Sale da 6.000 a 8.000 euro la decontribuzione per i datori di lavoro privati che nel 2023 assumono a tempo indeterminato. Lo prevede l'emendamento del governo alla manovra. Nel dettaglio, l'esonero dei contributi al 100% è riconosciuto per dodici mesi, nel limite massimo di 8.000 euro. Resta ferma l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

Quanto all'aumento a 600 euro mensili delle pensioni minime per gli over 75 si applica soltanto nel 2023. Secondo la relazione tecnica sono circa 5,5 milioni i soggetti interessati e il costo dell'intervento ammonta a 270 milioni di euro.

Dal primo gennaio 2023 aumenta del 50% la maggiorazione mensile prevista per l'assegno unico per le famiglie con quattro figli o più. Con lo stesso emendamento si prevede che l'aumento dal 30% all'80 per cento dell'indennità di congedo parentale per un mese fino ai sei anni del bambino sia riconosciuto anche la padre, comunque in via alternativa.

Intanto, in scia al pressing di Bruxelles è saltata la norma sul Pos. "Come abbiamo sempre sostenuto, il problema non sono le sanzioni, ma le commissioni, che incidono in modo eccessivo soprattutto per quelle attività che vendono prodotti e servizi con piccoli margini fissi, dai gestori carburanti alle tabaccherie. Un credito di imposta mirato - e adeguato nella dotazione delle risorse - potrebbe essere una soluzione efficace. In particolare, se riuscisse a far terminar la querelle, apparentemente infinita, suscitata dalla questione Pos". Ad affermarlo è Confesercenti. "Da sempre - sottolinea l'associazione - pensiamo che una maggiore diffusione delle carte di credito e debito sia opportuna ed utile. Nel dibattito di questi giorni sul Pos si è voluto, con toni molto spesso fuori dalle righe, associare la non accettazione della moneta elettronica alla evasione fiscale. Riteniamo giusto che chi vuole pagare con la carta di credito lo possa fare. Ma fino a che non ci saranno compensazioni con i costi delle commissioni, non si può chiedere di accettare i pagamenti via Pos e rimetterci. Per noi la priorità era e rimane abbattere il costo della moneta elettronica, non rifiutare carte e bancomat ma rendere queste modalità di pagamento più convenienti"


Condividi
```