Facebook Pixel
Lunedì 30 Gennaio 2023, ore 00.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

TLC, Butti: "Governo impegnato a garantire sovranità digitale"

Programmato avvio nuova mappatura: Infratel ha chiesto ad operatori verifica impegni su copertura

Economia, Telecomunicazioni ·
(Teleborsa) - "L'impegno del Governo è quello di garantire la Sovranità Digitale del nostro Paese, in accordo con le normative europee, tutelando cittadini e imprese". È quanto ha affermato il sottosegretario all'Innovazione Alessio Butti in audizione alla Commissione trasporti della Camera. Si tratta – ha ricordato Butti rispondendo alle domande dei deputati – della "prerogativa di non esporre una nazione ai rischi che il digitale, con le sue straordinarie opportunità, può comunque determinare. Le politiche di settore in tutti i Paesi europei sono improntate a questo principio. Alcuni di essi, come la Francia, hanno adottato misure così stringenti da imporre il controllo francese a tutte le società a cui sono affidati servizi di pubblica utilità o di interesse pubblico che prevedano il trattamento di dati strategici della nazione".



Nel corso dell'audizione il sottosegretario ha annunciato "l'avvio di una nuova mappatura delle reti fisse" con l'obiettivo di "avere un quadro aggiornato dei dati". "Per quanto concerne l'attività di mappatura delle reti, – ha spiegato Butti – Infratel ha già richiesto agli operatori la verifica degli impegni di copertura assunti per il 2022, e sono attualmente in corso. Poi bisognerà capire che cosa si intenda in alcuni documenti per civico non collegabile, che di per se è cosa parecchio astratta, e stiamo specificando meglio che si intenda per collaudo".

Il sottosegretario ha evidenziato il tema dei ritardi nell'ambito del progetto di connettività avviato dal precedente Governo. "Ribadisco che abbiamo riscontrato dei ritardi nell'ambito del progetto di connettività avviato dal precedente Governo – ha detto Butti –. Per accelerare l'attuazione di tale progetto non basta però fare appello al sistema sanzionatorio previsto in sede contrattuale. Non può accadere, ad esempio, che il ritardo di un progetto assegnato ad una società privata ricada sulle spalle del committente pubblico: i ritardi vanno recuperati e le responsabilità di coloro che le hanno determinate vanno individuate e sanzionate. Occorre quindi cambiare mentalità. Le scadenze vanno rispettate perché le resistenze strenue al cambiamento digitale sono a volte pesanti. Paradossalmente – ha aggiunto Butti – tali resistenze si affievoliscono quando ci si trova davanti a date da rispettare, pena sanzioni e responsabilità che comportano valutazioni e conseguenze. Non basta quindi fare ricorso alla 'moral suasion', ma servono criteri più stingenti per onorare le scadenze".

Pur sottolineando l'attuale carenza di manodopera Butti ha affermato come questa non sia causa dei ritardi del piano Bul. "In base ai dati forniti dalla federazione Ania la carenza di manodopera complessiva per lo sviluppo della banda ultrarga in Italia è quantificabile in alcune migliaia di unità di personale su un totalle necessario di circa 20mila – ha detto il sottosegretario all'Innovazione –. Ipotizziamo che la carenza di manodopera per i soli piani Bul sia di circa il 10% delle risorse disponibili. Quello della manodopera carente è un problema reale ed annoso denunciato dalle aziende da almeno due se non tre anni. Eviterei di ricondurre i ritardi nella realizzazione del Piano Bul a questa ragione. La carenza era ben nota anche al momento dei bandi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.