Facebook Pixel
Milano 17-apr
33.632,71 0,00%
Nasdaq 17-apr
17.493,62 -1,24%
Dow Jones 17-apr
37.753,31 -0,12%
Londra 17-apr
7.847,99 0,00%
Francoforte 17-apr
17.770,02 +0,02%

Israele, si attende operazione via terra. Tensione su borse, valute e commodities

Finanza, Politica
Israele, si attende operazione via terra. Tensione su borse, valute e commodities
(Teleborsa) - E' alta tensione in Israele, stretta nella morsa fra la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, dopo la dichiarazione dello stato di guerra a seguito dell'attacco terroristico perpetrato da Hamas lo scorso weekend. Il portavoce militare Daniel Hagari ha spiegato che i n 48 ore sono stati aggiunti 300.000 riservisti.

Secondo quanto riferito da Washington Post, gli Stati Uniti si attendono un'operazione via terra entro le prossime 24-48 ore. Una colonna di tank si sta dirigendo verso la striscia di Gaza ed una pioggia di bombe si sta riversando sul territorio controllato da Hamas e colpendo centinaia di obiettivi sensibili - almeno 800 dicono i media israeliani - mentre l'avversario ha rivendicato un attacco con 100 razzi ad Ashkelon, al Sud di Israele ed i miliziani hanno più volte varcato la linea sul confine con Gaza.

Si temono anche ripercussioni dall'Iran, che pur avendo rinnegato di aver appoggiato l'attacco, ha offerto pieno appoggio al regime di Hamas. "Coloro che minacciano l'Iran dovrebbero sapere che qualunque mossa stupida contro l'Iran riceverà una risposta distruttiva", ha chiarito il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani, in risposta alle minacce di Israele e di alcuni funzionari USA contro Teheran.

Ripercussioni pesanti dalla guerra si sono registrate sulla Borsa di Tel Aviv, che è crollata, con l'indice TA-35 che ha perso quasi il 6,5% nella giornata di ieri e cede oggi un altro mezzo punto, appesantita soprattutto dai titoli bancari, che hanno ceduto ieri attorno al 9%. Giù anche il mercato dei bond, mentre la valuta israeliana, lo shekel, è letteralmente crollata, attestandosi a quota 0,26 nei confronti del dollaro, il livello più basso da quasi 8 anni.

Per questo motivo la Banca centrale d'Israele ha annunciato un intervento sul mercato dei cambi del valore massimo di 30 miliardi di dollari in valuta estera, con l'obiettivo di moderare la volatilità del tasso di cambio dello shekel e di fornire la liquidità necessaria per il corretto funzionamento dei mercati. Oltre a questo programma, la Banca fornirà liquidità al mercato, se necessario, attraverso operazioni SWAP fino ad un valore di 15 miliardi di dollari. "La Banca d’Israele - aggiunge - continuerà a monitorare gli sviluppi, monitorando tutti i mercati e ad agire con gli strumenti a sua disposizione, se necessario".

Le tensioni in Medioriente stanno facendo volare anche il prezzo del petrolio e del gas. Il prezzo del gas naturale Dutch TTF ad Amsterdam è volato dell'8,3% a 41,40 dollari al barile, mentre il petrolio riavvicina i 90 dollari al barile, con il future sul Brent del Mare del Nord che scambia a 87 dollari al barile, in rialzo del 2,9% ed il WTI a 85,61 dollari in vantaggio del 3,4%.

Le Borse europee anche stanno scontando qualche preoccupazione per la guerra "alle porte" del Mediterraneo, con Francoforte che perde circa mezzo punto, accompagnata da Parigi e Bruxelles che cedono lo 0,3% e Milano che lima lo 0,12%. In positivo viaggia invece Londra che segna un +0,26%.

A Piazza Affari balzano i titoli legati alla difesa, come Leonardo che sta conoscendo un importante rally (+5,3%). L'aumento delle quotazioni energetiche spinge anche l'Eni del 2%. Nei servizi petroliferi si mettono in evidenza anche Tenaris (+2%) e Saipem (+1,37%). Fra i titoli legati al gas ed alla sua infrastruttura fanno bene Snam e Terna con incrementi di oltre un punto.
Condividi
```