Facebook Pixel
Milano 23-apr
0 0,00%
Nasdaq 23-apr
17.471,47 +1,51%
Dow Jones 23-apr
38.503,69 +0,69%
Londra 23-apr
8.044,81 +0,26%
Francoforte 23-apr
18.137,65 +1,55%

Intesa è la "top pick in Italy" per BofA: i 5 motivi per il Buy

Banche, Finanza, Consensus
Intesa è la "top pick in Italy" per BofA: i 5 motivi per il Buy
(Teleborsa) - Gli analisti di Bank of America (BofA) hanno alzato a 4 euro per azione (dai precedenti 3,90 euro) il target price su Intesa Sanpaolo, confermando la raccomandazione "Buy" e chiamando la banca "top pick in Italy". Il broker ha evidenziato cinque ragioni per comprare il titolo.

In primis, le ipotesi relative al beta dei depositi rimangono prudenti: il mercato continua a sottovalutare la leva finanziaria del franchising di depositi di Intesa, con la banca che trattiene una grossa quota, circa il 60%, di depositi al dettaglio retail e a bassa remunerazione.

In secondo luogo, i replicating portfolios saranno un differenziale chiave del NII dal 2024: non viene visto alcun picco per Intesa, nemmeno con l'Euribor destinato a scendere, e quindi il NII continuerà a crescere nel 2024-25.

Un altro aspetto è la crescita del reddito non da interesse: con la fine dei rialzi dei tassi, i redditi non da interessi (gestione patrimoniale, assicurazioni e private banking) acquisiranno più valore, anche considerando che Intesa non ha ceduto product factories come altri istituti.

Inoltre, gli analisti sottolineano la distribuzione speciale prevista per la fine dell'anno e più avanti: per quest'anno prevedono buyback speciale per 1,5 miliardi di euro e altrettanto nel 2024, on top del payout ordinario al 70%. Lo yield totale di Intesa si attesterà a un livello superiore al 15% annuo nel 2023-25, uno dei più alti a livello di settore.

Infine, Intesa ha sottoperformato i peer italiani di circa il 20% da inizio anno, anche se la banca guidata da Carlo Messina offre "la migliore combinazione di NII carr dal suo replicating portfolio, resilienza del beta dei depositi e crescita del reddito non da interessi". Questo mentre è destinata a restituire agli azionisti più del 45% della sua capitalizzazione di mercato nel 2023-25.
Condividi
```