Facebook Pixel
Milano 17:35
34.467,67 +0,02%
Nasdaq 21:34
18.600,81 -0,56%
Dow Jones 21:34
39.066,58 -1,52%
Londra 17:35
8.339,23 -0,37%
Francoforte 17:35
18.691,32 +0,06%

Banca Popolare Sondrio, utile 9 mesi positivo per 348,6 milioni

Banche, Finanza
Banca Popolare Sondrio, utile 9 mesi positivo per 348,6 milioni
(Teleborsa) - Banca Popolare di Sondrio ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con un risultato netto positivo per 348,6 milioni, che riflette il forte incremento dei proventi dell’attività bancaria caratteristica che si attestano a 958,5 milioni i euro (+27,2%). Il margine di interesse fa segnare un +40,1% e le commissioni nette un +5%.

Il risultato beneficia anche del positivo contributo delle attività finanziarie per 84,2 milioni, mentre sconta un incremento dei costi operativi attestatisi a 421,8 milioni.

“Nei primi nove mesi dell’anno siamo stati in grado di ottenere risultati estremamente positivi, con un utile netto di Gruppo che supera i 348 milioni di euro. Siamo 'una banca che fa banca', vicina alla clientela, con un modello di business rafforzato negli anni che ci permette di navigare con successo nell’attuale contesto di tassi di interesse, offrendo servizi diversificati e di qualità che soddisfano i nostri clienti, famiglie e imprese, per affrontare le diverse fasi del ciclo economico, sempre in un’ottica di crescita, ma con fondamentali solidi", commenta Mario Alberto Pedranzini, Consigliere delegato e Direttore generale di Banca Popolare di Sondrio.

I ratio patrimoniali si mantengono su livelli elevati, con un significativo buffer rispetto ai requisiti regolamentari. Nella versione phased-in, il CET1 ratio ed il Tier1 ratio si posizionano al 16,3%, mentre il Total Capital ratio risulta pari al 18,8%. In versione fully loaded i coefficienti segnano rispettivamente 16,2% e 18,7%.

L’incidenza dei crediti deteriorati lordi, come sintetizzato dal NPL ratio lordo, rimane stabile al 4,3%. Tenendo conto delle coperture particolarmente elevate, l’incidenza delle esposizioni deteriorate nette si attesta all’1,7%. Resta forte l’impegno della Banca nel processo di derisking, con l’obiettivo di raggiungere sin da quest’anno i target di Piano al 2025.


Condividi
```