Facebook Pixel
Milano 17-apr
33.632,71 0,00%
Nasdaq 17-apr
17.493,62 -1,24%
Dow Jones 17-apr
37.753,31 -0,12%
Londra 17-apr
7.847,99 0,00%
Francoforte 17-apr
17.770,02 +0,02%

Eurostat: Puglia tra regioni europee con il più alto gender gap

Economia
Eurostat: Puglia tra regioni europee con il più alto gender gap
(Teleborsa) - Nel 2022, il divario occupazionale di genere nell'Unione europea era in media di 10,7 punti percentuali (pp), 0,2 pp in meno rispetto al 2021. Lo comunica Eurostat, ricordando che il divario occupazionale di genere (in inglese gender employment gap) è definito come la differenza tra i tassi di occupazione degli uomini e delle donne di età compresa tra 20 e 64 anni.

L'ufficio statistico dell'UE spiega che una serie di ragioni causano disparità di genere nell'occupazione, come le responsabilità assistenziali non retribuite delle donne, la discriminazione nelle assunzioni e la scarsità di donne nella leadership. Inoltre, fattori come l'inadeguatezza dell'assistenza all'infanzia, i disincentivi fiscali e la segregazione professionale contribuiscono a perpetuare il divario occupazionale di genere.

Sono state solo due le regioni dell'UE, tra quelle classificate al livello 2 della nomenclatura delle unità territoriali per la statistica (NUTS 2), che hanno registrato un tasso di occupazione femminile più elevato nel 2022: la Regione della Capitale della Lituania (Sostines regionalas) e la Finlandia meridionale ( Etela-Suomi). Nella regione della Finlandia settentrionale e orientale (Pohjois-ja Ita-Suomi) non si sono riscontrate differenze nei tassi di occupazione tra uomini e donne. In tutte le altre regioni dell'UE il divario di genere persiste, con tassi di occupazione più elevati per gli uomini.

Nel 2019, l'UE ha fissato l'obiettivo di dimezzare il divario di genere entro il 2030. Una regione su cinque dell'UE ha già raggiunto l'obiettivo fissato a 5,8 pp. Queste regioni sono concentrate in Francia (14 regioni), Germania (7 regioni), Finlandia (tutte e 5 le regioni), Svezia e Portogallo (entrambe 4 regioni), Lituania (entrambe le regioni), nonché Lettonia ed Estonia (1 paesi della regione).

Erano 20 le regioni in cui il divario occupazionale di genere era di almeno 20 punti percentuali nel 2022. La metà di queste era in Grecia, mentre il resto era concentrato in Italia (7 regioni) e Romania (3 regioni).

I divari occupazionali di genere più elevati sono stati registrati nella regione della Grecia centrale (Sterea Elláda, 31,4 pp) e nella regione meridionale italiana della Puglia (30,7 pp).
Condividi
```