Facebook Pixel
Milano 17:35
34.761,97 +0,79%
Nasdaq 24-mag
18.808,35 0,00%
Dow Jones 24-mag
39.069,59 0,00%
Londra 24-mag
8.317,59 0,00%
Francoforte 17:35
18.774,71 +0,44%

Mercato del lavoro, nel 2022 prosegue ripresa: il focus Istat

Economia
Mercato del lavoro, nel 2022 prosegue ripresa: il focus Istat
(Teleborsa) - Nel 2022 il mercato del lavoro continua la ripresa avviata nell’anno precedente, dopo il crollo registrato nel 2020 a causa della crisi pandemica. Lo rileva l'Istat nel focus Mercato del lavoro e redditi: un'analisi integrata- Anno 2022 dal quale emerge che rispetto all’anno pre-pandemia (2019), nel 2022 si osserva un aumento del tasso di occupazione della popolazione di 15-64 anni dal 59% al 60,1% (+1,1 punti percentuali), accompagnato da una riduzione del tasso di disoccupazione (dal 10,1% al 8,2%, -1,9 p.p.) e da una sostanziale stabilità del tasso di inattività (dal 34,5% al 34,3%, -0,2 p.p.).

Il report segnala che il Mezzogiorno, pur caratterizzato da tassi di occupazione più bassi, pari al 46,7% nel 2022, registra, rispetto al 2019, un aumento del tasso relativamente più elevato (+1,9 p.p.). L’aumento riguarda in particolare il quinto più povero (+2 p.p.). In controtendenza la variazione del tasso di occupazione nei due quinti più ricchi del Nord-ovest (-0,9 p.p. e -0,4 p.p.) e nel penultimo quinto del Nord-est (-1,3 p.p.).

Quanto al divario dei tassi di occupazione tra i più e i meno istruiti cresce all’aumentare del reddito: nel quinto più povero il tasso di occupazione è il 54,7% tra chi ha un titolo universitario (+23,4 p.p. rispetto ai meno istruiti) mentre nel quinto più ricco il tasso è l’89,1% (+31,7 p.p.). Il recupero dei livelli occupazionali rispetto all’anno pre-pandemia cresce all’aumentare del livello di istruzione e raggiunge +1,6 p.p. per chi ha un’istruzione universitaria e l’aumento è relativamente maggiore nel secondo quinto (+ 3,5 p.p.).

La quota di dipendenti a tempo indeterminato cresce all’aumentare del reddito: nel primo quinto, è pari al 15,1% degli individui con 15-64 anni e progressivamente sale al 57,1% nel quinto più ricco (contro il 39,8% in media). I dipendenti a termine invece sono relativamente più presenti nel secondo e nel terzo quinto (circa il 10% a fronte di un valore medio dell’8,1%): la discontinuità dei rapporti di lavoro tende infatti a comprimere i redditi familiari.

I lavoratori autonomi con dipendenti costituiscono il 5,8% degli individui nel quinto più ricco (a fronte del 3,5% in media), mentre, se privi di dipendenti rappresentano circa l’11% degli individui nei due quinti estremi (a fronte dell’8,7% medio), una polarizzazione determinata dall’eterogeneità dei profili professionali.

Infine, la quota dei dipendenti a tempo indeterminato è aumentata rispetto al 2019 (+1,4 p.p., con un picco di +1,9 p.p. nel quinto centrale), mentre quella dei lavoratori autonomi senza dipendenti è diminuita (-0,7 p.p.): questa componente non ha ancora recuperato il livello pre-pandemia, in particolare nel primo quinto di reddito (-1,1 p.p.).
Condividi
```