Facebook Pixel
Milano 12:53
34.345,35 -0,35%
Nasdaq 23-mag
18.623,39 0,00%
Dow Jones 23-mag
39.065,26 -1,53%
Londra 12:53
8.306,64 -0,39%
Francoforte 12:53
18.625,07 -0,35%

Banco BPM, Morningstar DBRS rivede trend a positivo con rating BBB

Banche, Finanza, Rating
Banco BPM, Morningstar DBRS rivede trend a positivo con rating BBB
(Teleborsa) - Morningstar DBRS ha confermato i rating di Banco BPM, inclusi il Long-Term Issuer Rating di BBB e il Short-Term Issuer Rating di R-2 (high). Il trend del rating emittente a lungo termine è ora "Positivo".

Il cambiamento del trend in Positivo riflette i continui miglioramenti della redditività di Banco BPM, attraverso una combinazione di controllo dei costi, basso costo del rischio e un forte aumento dei ricavi in un contesto di tassi di interesse più elevati che hanno incrementato il reddito da interessi netti (NII) per tutto il 2023, si legge in una nota.

Anche se Morningstar DBRS prevede che il NII si normalizzerà nel 2024 in quanto sono previsti tassi di interesse più bassi, i ricavi dovrebbero comunque essere sostenuti, poiché Morningstar DBRS prevede anche che Banco BPM beneficerà di commissioni più elevate grazie alla maggiore diversificazione del business. Oltre a ciò, Morningstar DBRS ritiene che la banca sia riuscita a migliorare costantemente la propria efficienza operativa attraverso la riduzione delle filiali e del personale nonché l'ottimizzazione del franchising, che dovrebbe continuare a sostenere i profitti. Secondo Morningstar DBRS, ciò fornisce alla banca la flessibilità necessaria per assorbire un potenziale deterioramento del costo del rischio che potrebbe materializzarsi nel contesto attuale, con inflazione e tassi di interesse più elevati che potrebbero avere un impatto sui mutuatari.

Il trend positivo considera anche l'impegno costante di Banco BPM nel miglioramento della qualità degli asset. Sebbene i progressi compiuti negli ultimi anni nella riduzione degli NPL pregressi siano già stati significativi, la banca sta pianificando ulteriori vendite di NPE per circa 700 milioni di euro entro il 2026, per le quali ha anticipato i costi nel quarto trimestre del 2023. Ciò dovrebbe fornire spazio per assorbire attività potenziali deterioramento della qualità pur mantenendo i rapporti NPE in linea con i concorrenti europei.

La conferma dei rating di credito riflette la consolidata presenza della banca in Italia con solide posizioni nelle ricche regioni del Nord Italia, rafforzata dalle misure in corso per razionalizzare la struttura operativa e lo sviluppo della digitalizzazione e delle attività a pagamento, come la bancassicurazione. Secondo Morningstar DBRS, la bancassurance fornirà alla banca ulteriori sinergie di costo e flussi di entrate aggiuntivi per sostenere i profitti. I rating di credito continuano a essere sostenuti dal solido profilo di finanziamento e liquidità della banca, nonché dalla solida posizione patrimoniale della Banca, guidata dalla generazione ricorrente di capitale e dall'accesso regolare ai mercati all'ingrosso.
Condividi
```