Facebook Pixel
Milano 20-giu
33.675,15 0,00%
Nasdaq 20-giu
19.752,3 -0,79%
Dow Jones 20-giu
39.134,76 +0,77%
Londra 20-giu
8.272,46 0,00%
Francoforte 20-giu
18.254,18 0,00%

Intesa Sanpaolo, piano procede a pieno ritmo. Utile sopra 8 miliardi nel 2024 e 2025

Banche, Finanza
Intesa Sanpaolo, piano procede a pieno ritmo. Utile sopra 8 miliardi nel 2024 e 2025
(Teleborsa) - L'attuazione del Piano di Impresa 2022-2025 di Intesa Sanpaolo procede "a pieno ritmo", con una prospettiva di utile netto per il 2024 e per il 2025 superiore a 8 miliardi di euro. Lo si legge nelle prospettive del gruppo bancario guidato da Carlo Messina, che ha chiuso il primo trimestre 2024 con un utile netto in crescita del 17,6% a 2.301 milioni di euro

Per il 2024 si prevede: una solida crescita dei ricavi, trainata da un ulteriore aumento degli interessi netti e da un incremento delle commissioni nette e del risultato dell'attività assicurativa basato sulla leadership del Gruppo nell'attività di Wealth Management, Protection & Advisory; una stabilità dei costi operativi, nonostante gli investimenti in tecnologia, soprattutto a seguito di minori spese per il personale; un basso costo del rischio, derivante dallo status di Banca a "zero NPL" e dall'elevata qualità del portafoglio crediti; una riduzione dei tributi ed altri oneri riguardanti il sistema bancario, non essendoci più contribuzione al fondo di risoluzione.

Si prevede una forte distribuzione di valore: payout ratio cash pari al 70% dell'utile netto consolidato per ciascun anno del Piano di Impresa, con un aumento del dividendo per azione relativo al 2024 e al 2025 rispetto all'importo relativo al 2023; buyback pari a 1,7 miliardi di euro da avviare a giugno 2024; ulteriori distribuzioni per il 2024 e il 2025 da valutare anno per anno.

Inoltre, Intesa prevede una solida patrimonializzazione, con un Common Equity Tier 1 ratio - confermando l'obiettivo superiore al 12% nell'orizzonte del Piano di Impresa 2022-2025 secondo le regole di Basilea 3 / Basilea 4 - pari nel 2025 a oltre il 14% ante Basilea 4, a oltre il 13,5% post Basilea 4 e a oltre il 14,5% post Basilea 4 includendo l'assorbimento delle DTA (che avverrà per la gran parte entro il 2028), tenendo conto del predetto payout ratio previsto per gli anni del Piano di Impresa e del buyback da avviare a giugno 2024 e non considerando un'eventuale ulteriore distribuzione.
Condividi
```