Facebook Pixel
Milano 17:35
33.315,68 +1,24%
Nasdaq 20:42
19.898,73 -0,02%
Dow Jones 20:42
38.800,64 +0,06%
Londra 17:35
8.191,29 +0,60%
Francoforte 17:35
18.131,97 +0,35%

Sugar Tax, Mascarino (Federalimentare): "Grazie al Governo per aver rinviato tassa ingiusta e illiberale"

Economia
Sugar Tax, Mascarino (Federalimentare): "Grazie al Governo per aver rinviato tassa ingiusta e illiberale"
(Teleborsa) - "Come Federalimentare siamo molto soddisfatti che il Governo abbia rinviato al 1 luglio 2025 una tassa ingiusta e illiberale come la Sugar Tax che, oltre ad essere una misura depressiva per l'industria alimentare e per l'economia del Paese, non aiuta a combattere l'obesità e le malattie non trasmissibili, così come eminenti medici, professori e studi scientifici hanno dimostrato e dimostrano". È quanto dichiara in una nota il presidente di Federalimentare, Paolo Mascarino.

"Questo rinvio, dunque, – prosegue Mascarino – è una vittoria del buon senso e della scienza contro l'ideologia, a vantaggio dei consumatori e delle imprese. Una tassa che, se introdotta, avrebbe anche tradito la storica posizione delle Istituzioni italiane contrarie a policy nutrizionali discriminatorie, che classificano come 'non sane' le nostre eccellenze alimentari e appongono ad esse etichette a semaforo e nuove tasse".

"Aver disinnescato questa tassa di scopo, poco utile per la salute delle persone e molto dannosa per l'industria alimentare – sottolinea il presidente di Federalimentare – è un grande successo per il nostro Paese, e di questo dobbiamo ringraziare il Governo Meloni e il vice premier Antonio Tajani, che si è adoperato affinché venisse rinviata la Sugar Tax per tutto il 2024. Auspichiamo – conclude Mascarino – che dopo le elezioni europee si possa svolgere un lavoro di merito, su solide evidenze scientifiche, che rivedano i principi con i quali la Sugar Tax è stata concepita per abolirla definitivamente. Questo lavoro farà emergere le contraddizioni di una tassa ideologica che non ha concreti effetti positivi sulla salute pubblica ma crea solo distorsioni alle libere scelte dei consumatori, così come avviene per il Nutriscore",













Condividi
```