Facebook Pixel
Milano 13:37
34.789 +0,50%
Nasdaq 22-lug
19.823 +1,54%
Dow Jones 22-lug
40.415 +0,32%
Londra 13:37
8.209 +0,12%
Francoforte 13:37
18.632 +1,22%

Annual Conference Manpowergroup: primo Manifesto su futuro lavoro al tempo dell'IA

Economia
Annual Conference Manpowergroup: primo Manifesto su futuro lavoro al tempo dell'IA
(Teleborsa) - Con l’81% dei datori di lavoro che concorda sul fatto che i progressi dell’AI richiederanno nuovi modi di lavorare e nuovi talenti, diventa sempre più cruciale per le aziende comprendere le sfide e i rischi della rivoluzione digitale in corso. Proprio a partire da questa necessità, ManpowerGroup Italia ha lanciato il Primo Manifesto sugli impatti dell’AI nell’impresa del futuro. Il documento, che definisce una serie di impegni tangibili a cui le aziende potranno aderire, per favorire una gestione e uno sviluppo virtuoso, etico e consapevole del mondo del lavoro, è stato creato collettivamente e con il contributo di esperti di AI in occasione della prima Annual Conference di ManpowerGroup dal titolo “The Exchange - Disegniamo insieme il futuro del lavoro” che si è tenuta ieri, 30 maggio, a Milano.



“L’Annual Conference di ManpowerGroup ha rappresentato per noi l’opportunità di unire forze e idee e collaborare attivamente nella definizione di un percorso verso un mondo del lavoro più equo, dinamico e orientato al futuro” ha dichiarato Anna Gionfriddo, Amministratrice Delegata di ManpowerGroup Italia. “Abbiamo voluto che la legacy dell’evento fosse il Primo Manifesto sugli impatti dell’AI nell’impresa del futuro. Un documento che, proponendo impegni concreti e utili a guidare le aziende in questo nuovo territorio, vuole stimolare una riflessione sulla centralità del capitale umano. Siamo, infatti, profondamente convinti che il capitale tecnologico sia legato a doppio filo con il capitale umano e, solo grazie a questa combinazione di elementi, il futuro del lavoro possa davvero essere sostenibile e a misura di persona”.



Attraverso il contributo degli esperti che hanno preso parte alla giornata di lavori, il Manifesto definisce cinque differenti ambiti, quelli in cui l’adozione dell’AI potrà avere più significative ripercussioni sul capitale umano e sull’organizzazione aziendale: etica e responsabilità, qualità della vita, cultura e leadership, formazione e competenze, governance e processi. Ognuno di questi ambiti identifica un impegno specifico da parte delle aziende, per un totale di 5 azioni: l’impresa del futuro dovrà essere etica e responsabile, l’impresa del futuro vedrà il benessere come priorità, l’impresa del futuro punterà sulla leadership che ispira e unisce, l’impresa del futuro promuoverà una formazione continua, l’impresa del futuro vedrà nell'adattabilità il successo. Infine, all’interno delle varie azioni, sono state identificate 15 challenge utili a gestire in modo virtuoso gli impatti dell’AI sul lavoro.
Condividi
```