Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 21 Novembre 2018, ore 02.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tax-flat o pensiero-flat ?

La "tax flat" viene sbandierata come una sorta di pietra filosofale capace di lenire tutti i mali

Fabrizio Pezzani
Fabrizio Pezzani
Professore ordinario di Economia Aziendale presso l'Università L. Bocconi. E' autore di libri e pubblicazioni sui temi di governance e controllo delle amministrazioni pubbliche e private e delle relazioni tra economia, etica e società.

La campagna elettorale si è avviata all'insegna di slogan urlati, ma priva di un modello culturale fondato su un pensiero compiuto in grado di dare una visione storica e sistemica della crisi del nostro tempo. Tutti, o quasi, sembrano limitarsi a dare evidenza a singole parti di un tutto che impedisce di capire il senso di una visione completa dei problemi, della loro interconnessione e del modo in cui si possano legare insieme per rispondere in modo creativo alla sfida che dobbiamo affrontare.

Tra le varie proposte emerge l'enfasi attribuita alla "tax flat", letteralmente tassa "piatta" nel senso che propone un'aliquota simile per tutti lasciando la proporzionalità del sistema prevista costituzionalmente. Questa tassa fu pensata da Milton Friedman che ancora oggi viene ricordato, dimenticando, però, che la sua cultura e la scuola di Chicago di cui è stato l'ispiratore sono state tra le cause della crisi attuale che ha puntato tutto sulla finanza razionale abbandonando le idee liberiste e sociali di F. Hayek fondatore della scuola liberista.

La cultura unica della finanza razionale ha trasformato l'economia da scienza sociale a scienza esatta, pretendendo che la realtà si adatti a modelli rivestiti innaturalmente di verità sacrale; ancora oggi abbiamo davanti agli occhi la devastazione di quel modello culturale ma facciamo fatica a rigettare l'inganno.

La "tax flat" viene proposta senza un'analisi critica e corretta della situazione del paese, della sua sostenibilità e dell'effetto aggiuntivo sul debito, ma sbandierata come una sorta di pietra filosofale capace di lenire tutti i mali mentre invece è l'ennesima dimostrazione di una classe dirigente che di "flat" ha forse solo il pensiero.

Lo spunto è stato preso ancora una volta dagli Usa, prossimi ad un default senza precedenti e con un dollaro sempre più insidiato nel suo ruolo di moneta di riserva globale da un sistema finanziario alternativo; gli Usa sono totalmente diversi da noi su tutto ma noi continuiamo autisticamente a copiarli.

Il problema del nostro paese in una visione d'insieme è molto più complesso e va affrontato con una visione allargata carente nell'analisi politica; potremmo in estrema sintesi evidenziare i seguenti punti che mancano totalmente dalle agende politiche nel dibattito quotidiano:

  1. in un sistema globale non esistono problemi locali che possano essere risolti indipendentemente dai metaproblemi globali; la gestione di una finanza che sfugge completamente al controllo non solo del paese, ma anche alla BCE diventa un problema che va risolto a monte per evitare che ogni cambiamento venga spazzato via dal vento della finanza di rapina; non mettere mano all'eliminazione dei derivati speculativi, ad alzare barriere alle banche d'affari con una nuova Glass Steagall Act, non rimuovere strumenti di misurazione – PIL, rating, spread... - fondati sul nulla, ma sistematicamente manipolabili, diventa un suicidio annunciato. L'aumento del debito in queste condizioni ci espone all'attacco finanziario sistematico;
  2. il debito pubblico è diventato un macigno per colpa della insussistenza di adeguati sistemi di controllo che hanno consentito il "moral hazard" a qualsiasi livello; dal 2001 ad oggi è di fatto raddoppiato se consideriamo gli interessi figurativi, il suo incremento è dovuto di fatto solo alla spesa corrente e non agli investimenti. Il ricorso alla spesa corrente è stato funzionale a far sopravvivere esecutivi deboli ed incollati con collusioni ed interessi di comodo, la spesa corrente ha consentito di comperare il consenso grazie a commesse e favori assegnati senza regole controllate ad amici degli amici, il dramma dei default bancari ne sono un esempio drammatico;
  3. l'evasione fiscale è diventata una prassi ed agire con riforme fiscali in un contesto incontrollato e giuridicamente soffocante non può essere una strada percorribile senza avere messo garanzie efficienti ai sistemi di controllo del debito. Una soluzione immediata per il rilancio, invece, potrebbe essere la revisione dell'IMU, una delle imposte più diseconomiche attuate. La revisione dovrebbe ridurre la sua aliquota (5%?) per tutti, ridurre i moltiplicatori delle rendite catastali a quelle previste con l'ICI (120%?) così avremmo un segnale certo capito dalla gente per il rilancio del settore immobiliare che ha subito svalutazioni drammatiche; le mancate entrate possono spingere a controlli di efficienza della spesa da destinare al sistema di welfare;
  4. definire il nostro ruolo in Europa evidenziando la necessità che la UE può restare in piedi solo se difende l'euro dalla speculazione internazionale altrimenti saremmo sempre sotto i venti di guerra come la "campagna d'Europa", avviata nel 2010 con l'attacco alla Grecia, Portogallo ed Irlanda, ci ha ampiamente dimostrato indebolendo la sovranità dei singoli paesi.

Ritornare con i piedi per terra, provare a dare una scossa al pensiero-flat anche a costo di essere impopolari e ricordare quello che diceva De Gasperi ai suoi colleghi nelle campagne elettorali: "Dovete sempre promettere qualcosa di meno di quello che sarete sicuri di realizzare".

Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.