Domenica 20 Giugno 2021, ore 05.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Vaccini, Brevetti & Ribaltoni

E' tutta geopolitica, la capriola americana, dopo il no dell'Occidente al WTO

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 3 »
Di umanitario, nella questione dei vaccini, non c'è niente: è solo la geopolitica.

Dietro al dibattito politico che si è appena riacceso, circa la possibilità di concedere in sede WTO la eccezione prevista in caso di emergenza dai Trattati TRIPS sulla proprietà intellettuale, per produrre liberamente i vaccini anti-Covid senza pagare le consuete royalties ai detentori dei brevetti, c'è la strategia americana di confinare a tutti i costi la Russia e la Cina, costruendo contro di loro il nuovo Blocco Occidentale.



Al WTO, ai primi di marzo, l'Occidente aveva fatto muro, votando contro le settantasette nazioni, tra le più povere del mondo e guidate da India e Sudafrica, che avevano chiesto la deroga al pagamento delle royalties sui vaccini contro il Covid-19: dovendo vaccinare miliardi di persone, per loro sarebbe stato assolutamente impossibile affrontare i costi dei prodotti in commercio.

WTOD'altra parte, proprio per i casi di interesse generale come quello in questione, questa deroga è espressamente prevista dai Trattati sulla proprietà intellettuale (TRIPS).

Gli Usa, il Canada, l'intera Unione europea e la Gran Bretagna, avevano fatto muro: sostenendo, tra l'altro, che il problema vero è rappresentato dalla scarsa capacità produttiva, già dimostratasi insufficiente a coprire la richiesta dei Paesi Occidentali, disposti a pagare il prezzo commerciale dei vaccini.
1 2 3 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.