Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 23 Novembre 2017, ore 08.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Juncker: "Il vento è di nuovo nelle vele dell'UE"

Il Presidente della Commissione UE ha parlato dello Stato dell'Unione davanti al Parlamento UE. Sui migranti: tributo all'Italia che ha salvato onore UE

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Economia, commercio, lotta ai cambiamento climatici e ai cyber-attacchi, ma anche immigrazione. Sono questi i temi che Jean-Claude Juncker ha affrontato nel suo discorso annuale sullo Stato dell'Unione che si è tenuto oggi 13 settembre, davanti alla plenaria del Parlamento europeo.

Il Presidente della Commissione UE ha sottolineato che solo "un anno fa non eravamo in buono stato" ma l'Unione Europea "ha mostrato che possiamo dare risultati" e "il vento è di nuovo nelle nostre vele. Abbiamo una finestra di opportunità ma non durerà per sempre, dobbiamo usare questo tempo per finire quanto iniziato a Bratislava e completare la nostra agenda positiva".

Juncker ha spiegato che "dieci anni dopo che la crisi ha colpito, l'economia europea ora rimbalza: siamo al quinto anno di crescita economica", evidenziando che la crescita ora è vicina a quella degli Stati Uniti. Nel secondo trimestre, l'economia dell'Eurozona è salita del 2,3% su base annua.

L'Unione Europea ha "le porte aperte al commercio ma ci deve essere reciprocità", ha spiegato il Presidente della Commissione ricordando che il commercio è anche "esportazione delle politiche sociali" e che, sul piano pratico, "ogni miliardo di euro di esportazioni in più equivale a 14 mila posti di lavoro in più". Tuttavia, "non siamo difensori ingenui del libero commercio", ha detto Juncker proponendo un "esame" delle proposte di investimenti stranieri nei settori strategici.

Parlando dei migranti, il Presidente ricordato il contributo dato dall'Italia "per la sua generosità. Nel mediterraneo l'Italia ha salvato l'onore dell'Europa. Dobbiamo mettere fine con la massima urgenza alle condizioni di accoglienza in Libia" che ha bollato come "scandalose" e per le quali "sono rimasto atterrito" e aggiungendo che "in questo la UE ha una responsabilità comune".

I temi affrontato sono stati molti, Juncker si è detto "scioccato dall'inganno ai consumatori da parte dei costruttori di auto. Sono fiero della nostra industria automobilistica ma sono sconcertato dal fatto che i nostri consumatori siano stati ingannati. I costruttori investano sulle auto pulite che sono quelle del domani".

Parlando della lotta ai cambiamenti climatici, il Commissario UE non ha rinunciato ad una stoccata nei confronti degli Stati Uniti che sono usciti dall'accordo di Parigi sul clima. "L'Europa deve fare in modo di rendere grande il pianeta". Per questo "la Commissione presenterà una proposta di riduzione delle emissioni nel settore dei trasporti".

Non poteva mancare un accenno a i cyber-attacchi". L'Europa è male attrezzata- ha spiegato Juncker "l'80% delle aziende europee ne hanno sofferto". Tali attacchi "non conoscono frontiere e quindi la Commissione propone la creazione di un'agenzia di cyber-sicurezza" che avrà il compito di prevenzione e difesa.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.