Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 15 Novembre 2018, ore 01.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CONSOB, il mercato azionario italiano è piccolo. Bisogna rafforzarlo con la tutela del risparmio

Il Presidente Nava: "A fine 2017 il numero delle società quotate in Italia era di 240, nettamente inferiore a quello di altri mercati europei

Economia ·
(Teleborsa) - Il mercato azionario italiano è piccolo, non solo in termini di capitalizzazione ma anche per numero di società quotate. Lo ha detto nel suo intervento al CONSOB DAY a Milano il nuovo Presidente Mario Nava ricordando che a fine 2017 il numero delle società quotate era di 240, nettamente inferiore a quello di altri mercati europei.

Quale la terapia proposta da CONSOB? Agire dal lato dell'offerta aumentando la quantità delle "quotate" e la loro attrattività, e dal lato della domanda tutelando al meglio il risparmio e gli investitori facendo anche educazione finanziaria. A questo proposito Nava ha riportato alcuni dati che CONSOB ha elaborato sulla base di propri studi: il 40% dei cittadini non sa valutare le proprie conoscenze finanziarie, il 50% è a disagio con la finanza e un altro 50% non è interessato.

Inoltre, la maggior parte degli italiani non ha un piano finanziario, né ne legge la specifica informazione e quasi il 40% investe senza comprendere.

Da qui la necessità - ha spiegato il Presidente Nava - di spingere sull'alfabetizzazione finanziaria dei cittadini e nello stesso tempo aiutare le imprese ad entrare nel mercato rimuovendo gli ostacoli alla loro quotazione. Insomma, la parola d'ordine è "stimolare l'apporto di capitale di rischio" e più in generale una maggiore diversificazione della struttura finanziaria delle imprese ricorrendo a fonti di finanziamento alternative al credito bancario". Una particolare attenzione, ha anche ricordato Nava, sarà prestata alle Piccole e Medie Imprese.

CONSOB intende riconquistare la fiducia dei cittadini attraverso un sistema integrato di tutele: più informazione finanziaria su "emittenti e prodotti trasparenti" grazie anche al rispetto dei dati personali al sicuro da attacchi informatici.

Nava ha infine, tra l'altro, spiegato che CONSOB si muoverà sia sul piano internazionale attraverso le Istituzioni europee sostenendo una vigilanza proattiva, ovvero che anticipi e prevenga condotte scorrette dovute ad ambiguità delle norme, contrastando "fenomeni abusivi". A questo proposito, di recente, CONSOB, prima Autorità in Europa, ha il potere di richiedere l'oscuramento dei siti internet che prestano servizi e attività di investimento in assenza di autorizzazioni.

Infine, a seguito delle conclusioni della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche che aveva evidenziato criticità tra CONSOB e Banca d'Italia, sono stati istituiti due Comitati tra queste Istituzioni per rafforzare appunto la vigilanza, rafforzarne il dialogo e favorire lo scambio di informazioni.

Dino Sorgonà
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.