Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Gennaio 2019, ore 16.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Aeroporti di Puglia destituisce il DG Franchini per deicing ad ali aereo con secchi d'acqua

Il manager è finito nella bufera per la vicenda del 4 gennaio scorso a Brindisi. Rimosso da Cda e sostituito con Donato D'Auria

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - La vicenda del deicing dei giorni scorsi all'aeroporto di Brindisi ha provocato una "vittima illustre". Una nota stringata della società Aeroporti di Puglia ha annunciato la parola fine alla lunga esperienza di Marco Franchini da Direttore generale della società che gestisce gli scali aerei di Bari, Brindisi, Foggia e Grottaglie.

Franchini, 62 anni, radici veronesi, ricopriva il ruolo dal 2001. Il CdA della società pugliese ha deciso di risolvere il rapporto di lavoro con decorrenza immediata, affidando all’ing. Donato D’Auria, già alle dipendenze di Aeroporti di Puglia, l’incarico di Accountable Manager.

Lo scollamento tra il vertice di AdP e Franchini, come si è detto, viene ricondotto alla recente vicenda delle operazioni di sghiacciamento sullo scalo di Brindisi condotte il 4 gennaio scorso con lanci di secchi di acqua calda sulle ali di un aeromobile, mentre sullo scalo si registravano nevicate e bassa temperatura. Era il 4 gennaio .

Galeotto un video che ha suscitato incredulità, nonostante la procedura, in assenza di un deicer, sia contemplata in casi estremi. Ma l’immagine e la reputazione degli Aeroporti di Puglia, messa in discussione su social e tg, hanno prevalso sulle competenze del manager, che si è visto sfiduciato.

Il primo a sollevare obiezioni all’operato del personale di handling è stato il deputato Mauro D’Attis (Forza Italia), il quale si è chiesto come mai l’aeroporto di Brindisi, a differenza di quello di Bari, fosse sprovvisto di un mezzo di deicing. L’azione ispettiva avviata da ENAC, per verificare la gestione dell’emergenza derivata dalle avverse condizioni meteo sullo scalo brindisino, ha tenuto conto che il preallarme neve era stato ampiamente annunciato.

Non fosse stato per la vicenda del 4 gennaio, Marco Franchini e Aeroporti di Puglia sarebbero andati ancora a braccetto? Di certo il consuntivo 2018 ha regalato sorrisi prima che la coltre bianca coprisse i numeri largamente in positivo. Il movimento passeggeri di Bari (dove per la prima volta è stata superata la soglia dei 5 milioni) e Brindisi ha toccato i 7,49 milioni con un incremento del +7,2% rispetto al 2017.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.