Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 21 Aprile 2019, ore 14.04
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dazn, multa da 500 mila euro dall'Antitrust

Sanzionato il servizio inglese colpevole di pubblicità e informazioni ingannevoli sul pacchetto Calcio 2018-2019

Economia ·
(Teleborsa) - Multa salata per Dazn da parte dell'Antitrust europeo. La commissione guidata dalla Vestager ha sanzionato il servizio sportivo a pagamento di video streaming inglese per ben 500.000 euro, accusandolo di pubblicità e informazioni ingannevoli sul pacchetto Calcio 2018-2019.

Ad oggi infatti si è chiusa una indagine relativa al servizio, iniziata nell'agosto dell'anno scorso, grazie alla quale si è accertato che le due società ad esso collegate, Perform Investment Limited e Perform Media Services Srl, hanno avuto un'operatività commerciale scorretta violando i dettami dell'articolo 21 del Codice del consumo.

Nello specifico l'inchiesta ha reso noto che le due, nell'attività promozionale dell'offerta del servizio streaming Dazn per la visione in diretta delle partite serie A e serie B nella stagione 2018-19, hanno utilizzato messaggi pubblicitari attraverso cui si enfatizzava la possibilità di fruizione del servizio 'quando vuoi, dove vuoi', senza fare alcun riferimento alle limitazioni tecniche che avrebbero potuto invece renderla complicata o addirittura impedirla, come hanno dimostrato le difficoltà incontrate in concreto dai consumatori all'inizio della stagione.

Sempre in violazione dell'articolo citato l'Antitrust ha inoltre "ha accertato che le due società, hanno anche adottato, sul sito web di Dazn, una modalità ingannevole di adesione al servizio. Al consumatore si millantava infatti la possibilità, registrandosi al sito, di fruire di un mese di prova gratuito, con la precisazione che la registrazione non avrebbe implicato la sottoscrizione di un contratto di abbonamento quando in realtà la creazione dell'account determinava, di fatto, la conclusione del contratto del servizio Dazn, che, in assenza di disdetta, avrebbe comportato, dopo il primo mese, l'inizio dell'addebito sistematico dei costi mensili.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.