Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 21.26
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Brexit, Johnson perde maggioranza: deputato Tory passa a Libdem

Il partito laburista presenterà in Parlamento una mozione per impedire il “No Deal” e il Premier britannico pensa a elezioni anticipate

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Comunque vada a finire, il divorzio tra Londra e Ue passerà alla storia per aver assunto, nel corso dei mesi, i contorni di un vero e proprio psicodramma. Un copione, quello sulla Brexit, che di ora in ora si arricchisce di colpi di scena. Il Governo di Boris Johnson perde pezzi e anche la maggioranza assoluta numerica che lo sosteneva alla Camera dei Comuni: l'ex sottosegretario Philip Lee è passato al gruppo di opposizione dei Liberaldemocratici, abbandonando la coalizione Tory-Dup, la cui maggioranza si era ridotta nei mesi scorsi a un solo seggio. A dare l'annuncio la leader LibDem, Jo Swinson. Il cambiamento non comporta l’automatica caduta del governo, salvo un voto di sfiducia dell’aula.

Intanto, oggi a Londra sta per iniziare quello che è stato definito "Uno scontro parlamentare storico". La Camera dei Comuni ha riaperto, per una settimana, prima della nuova chiusura imposta da Boris Johnson fino al 14 ottobre e il partito laburista ha confermato che in data odierna presenterà in parlamento una mozione per impedire il “no deal”, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea senza accordi, minacciata da Johnson in mancanza di concessioni da parte della Ue sulla questione del confine irlandese.

ll Premier non ne vuole sapere di arretrare e rilancia la sfida al Parlamento britannico e ai Tory non allineati: un sì al tentativo di sottrarre il controllo del calendario al Governo per approvare una legge favorevole a un rinvio della Brexit equivarrebbe a “un voto di sfiducia”, avverte Downing Street, mettendo sul tavolo l’ipotesi di elezioni anticipate il 14 ottobre.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.