Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 15.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, record Ue disparità regionali per rischio povertà

Singolare situazione del nostro Paese a cui appartengono sia il primo posto della classifica (Bolzano), che l'ultimo (Sicilia)

Economia ·
(Teleborsa) - Secondo quanto emerge dal primo "European regional social scoreboard", sarebbe l'Italia ad ottenere il primato europeo per quanto riguarda la disparità in materia di quote di persone a rischio povertà misurate a livello di regioni.
Dall'8,5% della Provincia autonoma di Bolzano al 52,1% della Sicilia, sono questi i numeri del report realizzato dal Comitato europeo delle Regioni (CdR) per monitorare le situazioni e i progressi delle oltre 280 regioni Ue in ambito sociale.

Singolare situazione dell'Italia a cui appartengono, nell'ambito dell'analisi dedicata alle persone a rischio povertà ed esclusione sociale (dati Eurostat 2017), sia il primo posto della classifica Ue (Bolzano), che l'ultimo (Sicilia).
Servono "azioni mirate a livello locale" poichè "è evidente come, da sola, la politica di lotta alla povertà a livello nazionale non sia sufficiente" spiega il rapporto. Dal documento emerge anche come siano italiane tre delle cinque regioni con le performance peggiori in Ue. Solo la bulgara Severozapaden (46,7%) separa la Sicilia dal terzultimo posto di Campania e Calabria, entrambe al 46,3%. La media europea è del 22,8%.

Dati poco confortanti per l'Italia emergono anche se si guarda all'evoluzione storica dei dati. Tra le regioni europee, la Provincia autonoma di Trento ha avuto il maggiore aumento, in termini di punti percentuali, di persone a rischio povertà ed esclusione tra il 2014 e il 2017: dal 13,6% al 19,3%. Seguono Abruzzo (da 29,5% a 34,8%) e Marche (da 19,6% a 24,9%). "Gli squilibri locali e regionali sono forse il più importante ostacolo alla realizzazione di un'Unione veramente coesa", ha dichiarato il presidente del CdR, Karl-Heinz Lambertz.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.