Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 15 Settembre 2019, ore 11.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

IG Nobel 2019 alla pizza italiana, Coldiretti: "Business di 12 miliardi di euro"

Riconoscimento per la pizza ai premi della scienza che fanno "ridere ma riflettere": 100mila i lavoratori fissi del settore made in Italy

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - La pizza fa bene alla salute, ma solo se fatta e mangiata in Italia, ma anche all'economia, con un giro d'affari che, nel nostro Paese, vale 12 miliardi di euro.

Coldiretti ricorda l'importanza del settore in occasione del premio IG Nobel 2019 per la Medicina all'Italia per "aver fornito l'evidenza che la pizza può proteggere da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia" secondo la motivazione del premio che la rivista Annals of Improbable Research e l'Università di Harvard dedicano alle ricerche che fanno "ridere ma anche riflettere".
Buona e di gran valore, dunque, se, come ricorda Coldiretti, sono almeno 100mila i lavoratori fissi nel settore della pizza, ai quali se ne aggiungono altri 50mila nel fine settimana.

"Ogni giorno in Italia – ricorda la Coldiretti – si sfornano circa 5 milioni di pizze nelle circa 63mila pizzerie e locali per l'asporto, taglio e trasporto a domicilio, dove si lavorano in termini di ingredienti durante tutto l'anno 200 milioni di chili di farina, 225 milioni di chili di mozzarella, 30 milioni di chili di olio di oliva e 260 milioni di chili di salsa di pomodoro".

Non tutto però è made in Italy. "Dalla mozzarella lituana al concentrato di pomodoro cinese, l'olio tunisino e il grano ucraino purtroppo quasi due pizze su tre servite in Italia sono ottenute da un mix di ingredienti provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori", conclude Coldiretti che ricorda anche le sempre più numerose iniziative per garantire l'originalità italiana degli ingredienti al 100%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.