Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 04.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, i prezzi si raffreddano. WTI in calo a 62 dollari

Anche il Brent arresta la corsa a 67 usd/bar

Energia, Finanza ·
(Teleborsa) - Le quotazioni di greggio interrompono la corsa rialzista delle ultime ore che ha portato il Brent, il petrolio di riferimento europeo quotato sulla piazza di Londra, a raggiungere la vigilia la cifra record di 71 dollari al barile.

Ad innescare la fiammata è stato l'attacco alle raffinerie saudite. In particolare, agli stabilimenti petroliferi di Abqaiq e Khurais, di proprietà della compagnia Saudi Aramco, fra i più grandi del mondo, che hanno costretto l’Arabia Saudita a fermare oltre metà della sua produzione totale di petrolio.

In prossimità dell'avvio dei mercati in Europa, il Brent si assesta a 67,45 dollari in rialzo di quasi i oltre il 5%, mentre il WTI, il greggio americano, perde lo 0,94% a 62,31 dollari al barile.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.