Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 16 Novembre 2019, ore 00.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

ENEA, il progetto Biocosì a Ecomondo

L'utilizzazione di scarti lattiero caseari per sviluppare bioplastiche

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Il Ricercatore ENEA Daniele Pizzichini (divisione Biotecnologie e Agroindustria), in occasione di Ecomondo 2019 organizzato da IEG, ha spiegato a Teleborsa il progetto Biocosì, iniziativa realizzata e portata avanti dai ricercatori del centro ENEA di Brindisi.

"Il progetto Biocosì impegna ENEA nel suo centro di Brindisi - spiega Pizzichini - ed è un progetto pensato per sviluppare bio plastiche e peptidi a partire dagli scarti della produzione lattiero casearia. Partendo dal latte, infatti, noi otteniamo formaggio e dal formaggio otteniamo degli scarti, che sono il siero la scotta. Siero e scotta hanno composizioni differenti, perché mentre nel siero sono presenti proteine, nella scotta le proteine sono meno e c'è lattosio. Con il lattosio in questo schema che potete vedere attraverso tecnologie separative a membrana è possibile ottenere delle frazioni ricche, appunto in questo zucchero, che diventano substrato di fermentazione per batteri che producono bioplastiche".

"Come ENEA- prosegue il ricercatore - ci occupiamo della separazione e della caratterizzazione delle bioplastiche alla fine, mentre invece dei partner di questo progetto Biocosì si occupano di sviluppare e di produrre tecnicamente i granuli di bioplastica. Questi granulimpoi diventano appunto prodotti compostabili che tornano in circolo nella filiera lattiero casearia. Un altro aspetto interessante è che attraverso le tecnologie di membrana è possibile separare le proteine e quindi un'altra filiera di valore a partire dagli scarti partendo dal siero e utilizzando le membrane possiamo concentrare le proteine, convertirle in peptidi e quindi usare questi peptidi che hanno delle proprietà funzionali per sviluppare dei prodotti caseari che hanno anch'essi delle proprietà nutrizionali e funzionali, biomediche".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.