Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 1 Giugno 2020, ore 08.24
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Eurogruppo, fumata bianca su MES

La linea di credito potrà essere usata per le spese sanitarie fino al 2% del PIL

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Come ormai chiaro, in scia alle dichiarazioni delle ultime ore, semaforo verde dell'Eurogruppo al MES. E' quanto si apprende da fonti UE. Già nel primo pomeriggio, rimbalzava la notizia di un accordo vicino su un'interpretazione estremamente ampia delle spese sanitarie che possono essere finanziate, una maturità dei prestiti a 10 anni e un tasso d'interesse bassissimo, poco sopra lo 0,1% annuo. La linea di credito potrà essere usata per le spese sanitarie fino al 2% del PIL e i Ministri sono d'accordo nel definire queste spese nel loro complesso, non solo per respiratori o terapie intensive.

All’Eurogruppo, iniziato poco dopo le ore 15 ancora una volta in videoconferenza, il compito di portare a termine il lavoro sulla nuova linea di credito pandemica del Meccanismo Europeo di Stabilità (Mes), uno degli strumenti destinati a sostenere i Paesi dell’Eurozona per affrontare la pandemia di Covid-19.

La nuova di linea di credito del Mes, dopo l’accordo di oggi, “sarà pienamente operativa a partire da metà maggio“, ha chiarito il Presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno. “Coprirà i costi sanitari diretti e indiretti, che sono lievitati”, ha aggiunto.

Alla fine, dunque, MES in versione decisamente light: Niente sorveglianza rafforzata, nè troika e nessuna missione di controllo in loco al di là di quelle “standard” previste nella cornice del ciclo di sorveglianza del Semestre europeo, nessun programma di aggiustamento macroeconomico da chiedere agli Stati che faranno uso delle risorse del Meccanismo europeo di stabilità. Come ha chiarito ieri la lettera inviata dal Vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis e il Commissario per gli Affari Economici Paolo Gentiloni al Presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno, proprio in vista dell'appuntamento di oggi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.