Mercoledì 2 Dicembre 2020, ore 17.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Atlantia, nuovo attacco Di Maio ma titolo tiene

E' polemica sui social

Finanza, Trasporti ·
(Teleborsa) - E' di nuovo alta tensione sulla questione Autostrade, dopo l'attacco del Ministro Luigi Di Maio. "O i Benetton se ne vanno oppure va revocata subito la concessione. Se ne discuta già al prossimo Cdm", ha twittato il Ministro degli Esteri, riprendendo quanto già dichiarato stamattina a Radio Anch'io ed aggiungendo "il governo ha preso degli impegni con le famiglie delle vittime del Ponte Morandi e li vuole rispettare".



Affermazioni che hanno scatenato una pioggia di commenti e di proteste, a testimoniare la stanchezza degli italiani per una questione che si trascina ormai da troppo tempo. Oltre due anni sono trascorsi da quel 14 agosto 2018 senza che nulla sia stato risolto.

"Quando la smetterete di fare annunci insulsi. Siete al governo della nazione non state gestendo la bocciofila dell'oratorio", si legge in un tweet. "Stai tranquillo che fossimo stati da soli al governo...a quest' ora era tutto risolto!", si legge in un altro tweet, mentre c'è anche chi mette l'accento sull'opportunità della revoca: "senti figliolo, sai cos’è un contratto fra pubblico e privato? Lo sai che tale contratto (salvo clausole) non può essere stracciato unilateralmente? Allora saprai anche che 'o i Benetton se ne vanno o va revocata la concessione" lo puoi dire solo a suon di miliardi... che paghiamo noi!"

Al di là dei proclami, lo scenario più probabile che sembra profilarsi all'orizzonte è un nuovo slittamento delle trattative fra Atlantia e la cordata formata da CDP-Blackstone-Macquarie per l'acquisizione dell'88% di ASPI. Un accordo dovrebbe essere raggiunto entro il prossimo 30 novembre, una data troppo vicina per ipotizzare una fumata bianca, giacché molti nodi sono ancora da sciogliere.

Fra le questioni irrisolte c'è innanzitutto l'approvazione del PEF - Piano Economico Finanziario, sul quale il MIT pende ancora tempo, ma appare cruciale per l'esatta determinazione del prezzo di ASPI. Quest'ultima ha già presentato diverse proposte al Ministero delle Infrastrutture, nel tentativo di trovare la quadra sul valore degli investimenti e sugli aumenti tariffari secondo le regole dell'ART.

Frattanto, il titolo Atlantia oggi ha tenuto piuttosto bene sul Listino, senza registrare particolari scossoni, chiudendo in ribasso dello 0,88%, in linea con il comparto e con la performance del mercato (FTSE MIB - 0,4%). L'andamento di breve periodo di Atlantia mostra una tendenza moderatamente positiva con prima area di resistenza stimata a quota 14,82 Euro e supporto a 14,52. In tale contesto ci si attende un miglioramento della curva verso i nuovi top visti a 15,12.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.