Facebook Pixel
Martedì 4 Ottobre 2022, ore 03.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Inflazione USA in frenata non convince la Fed: "Presto per cantare vittoria"

Finanza ·
(Teleborsa) - L'inflazione USA è rallentata, attestandosi all'8,5% a luglio, rispetto al picco assoluto del 9,1% toccato nel mese di giugno, ma la crescita dei prezzi, anche così, risulta la più alta degli ultimi 50 anni e costringerà la Fed a nuovi rialzi dei tassi di interesse per raffreddarne la crescita.

Il dato però, preannuncia un atteggiamento meno aggressivo della Fed, che probabilmente a settembre si limiterà ad un ritocco di 50 punti base anziché di 75 punti come fatto in precedenza. Ma cosa ne pensano i membri della banca centrale?

Il presidente della Fed di Chicago Charles Evans ha parlato di una lettura "positiva", ma ha ammesso che l'inflazione è ancora "inaccettabilmente" alta ed ha indicato che la Fed dovrà ancora aumentare i tassi di interesse al 3,25-3,5% entro la fine del 2022 ed al 3,75-4% entro la fine del 2023. Dal momento che i tassi di interesse sono attualmente al 2,25-2,50%, ciò implica che basterebbe un aumento di 100 punti da qui a dicembre, di cui 50 punti già attesi per la riunione di settembre.



Anche il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha avvertito che la banca centrale statunitense è ancora "lontana dal dichiarare vittoria" sull'inflazione ed ha una linea più austera di Evans, prospettando un aumento die tassi al 3,9% entro la fine dell'anno ed al 4,4% entro la fine del 2023.

Gli fa eco la "collega" della Fed di San Francisco Mary Daly, che non esclude un altro aumento di 75 punti a settembre. "L'inflazione rimane troppo alta e non vicino al nostro obiettivo di stabilità dei prezzi", commenta la banchiera in una intervista al Financial Times.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.