Facebook Pixel
Mercoledì 30 Novembre 2022, ore 21.47
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dalle Statue di San Casciano ai Bronzi di Riace: gli Etruschi al Museo di Villa Giulia

Cultura, Economia ·
(Teleborsa) - La recente scoperta di 24 bronzi etrusco-romani rinvenuti intatti presso le terme etrusche di San Casciano dei Bagni ha riportato d'attualità i due Bronzi di Riace, rinvenuti in mare intatti nel 1972. L’audace parallelismo delle statue etrusche ha sollevato commenti, discussioni e qualche critica, ma in pochi sanno che proprio all’arte etrusca si deve una delle ipotesi interpretative più convincenti sull’identità dei due bronzi, che proprio quest'anno celebrano il 50esimo anno dal ritrovamento.



Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia ha così deciso d organizzare per oggi, 24 novembre, un incontro di studio sugli Etruschi. La loro adozione di temi e schemi narrativi della cultura greca nell’arte visiva fu tale che proprio nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia ha trovato seguito l'ipotesi formulata più di vent’anni fa da Paolo Moreno di identificare nei Bronzi di Riace due degli eroi protagonisti della saga dei "Sette contro Tebe", Tideo (bronzo A) e Anfiarao (bronzo B). Questa ipotesi, che sembra reggere anche alla prova del tempo, nasce da una precedente identificazione di Giovanni Colonna nell’altorilievo in terracotta policroma dal frontone del Tempio A di Pyrgi (470-460 a.C.), dove si scorge la figura di Tideo, con i suoi denti ben visibili, mentre morde il cranio di Melanippo. Un forte parallelismo con la ferocia che caratterizza anche il Bronzo A di Riace, che secondo questa teoria è stata plasmata da un Etrusco ispiratosi ai miti greci.

Dal 16 agosto 1972, quando le due sculture in bronzo furono recuperate dal mare antistante Riace, in Calabria, sono sorti molti interrogativi, soprattutto sull'identità dei due personaggi raffigurati. Se per Ranuccio Bianchi Bandinelli erano da considerare due opere "di altissimo artigianato", la storia degli studi sui Bronzi di Riace ha fatto scendere in campo i nomi degli artisti più prestigiosi dell’antichità: Mirone, Policleto, Fidia, solo per ricordarne alcuni. Per il soggetto le ipotesi hanno spaziato tra eroi del mito, personaggi storici, atleti, strateghi. La rimozione delle armature prima di caricarli sulla nave testimonia in ogni caso la cura con la quale le due opere furono trattate: non si trattava di bronzi strappati dalla loro collocazione e portati via solo per fame di metallo, di materia prima, ma opere a cui evidentemente si riconosceva un valore artistico e forse anche didascalico, per la tipologia dei personaggi rappresentati.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.