Facebook Pixel
Venerdì 23 Febbraio 2024, ore 11.15
Azioni Milano
09 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Vino, il 2023 annata magra: produzione ai minimi da 60 anni

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - Il 2023 non sarà un anno brillante per il vino, a causa delle condizioni meteo avverse, che hanno portato la produzione ai minimi degli ultimi 60 anni. Lo ha annunciato Giorgio Delgrosso, responsabile dell'ufficio studi dell'OIV - Organizzaizone Internaizionale della Vite e del vino, nella conferenza stampa per la presentazione delle prime evidenze sulla produzione 2023.

Produzione a picco

Sulla base delle informazioni raccolte su ventinove paesi, che rappresentano il 94% della produzione mondiale nel 2022, la produzione mondiale di vino (esclusi succhi e mosti) è stimata tra 241,7 milioni di ettolitri (hl) e 246,6 milioni hl, con una stima media pari a 244,1 milioni. Ciò rappresenta un calo del 7% rispetto alla media del 2022. Si tratterebbe della produzione più piccola dal 1961 (214 milioni hl), addirittura inferiore al volume di produzione storicamente basso del 2017 (248 milioni hl).

Italia, Spagna e Grecia colpiti dai meteo avverso

Questo scenario negativo può essere attribuito a cali significativi nei principali paesi produttori di vino in entrambi gli emisferi. Mentre nell’emisfero Sud, paesi come Australia, Argentina, Cile, Sudafrica e Brasile hanno registrato cali compresi tra il -10% e il -30%, nell’emisfero Nord sono stati Italia, Spagna e Grecia i paesi che hanno sofferto di più per le cattive condizioni climatiche. Solo gli Stati Uniti e alcuni paesi dell'UE come Germania, Portogallo e Romania hanno registrato condizioni climatiche favorevoli che hanno portato a volumi nella media o superiori alla media.

Impatto clima, ma il mercato ritrova l'equilibrio

Ancora una volta, le condizioni climatiche estreme, come gelate precoci, forti piogge e siccità, hanno avuto un impatto significativo sulla produzione mondiale di vino. Tuttavia, in un contesto in cui il consumo globale è in calo e le scorte sono elevate in molte regioni del mondo, la bassa produzione prevista potrebbe riportare equilibrio nel mercato mondiale.





(Foto: Per gentile concessione del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.