Facebook Pixel
Milano 23-apr
0 0,00%
Nasdaq 23-apr
17.471,47 +1,51%
Dow Jones 23-apr
38.503,69 +0,69%
Londra 23-apr
8.044,81 +0,26%
Francoforte 23-apr
18.137,65 +1,55%

Oggi sciopero dei medici: a rischio 1,5 milioni prestazioni

Economia
Oggi sciopero dei medici: a rischio 1,5 milioni prestazioni
(Teleborsa) - Possibile giornata nera per la sanità: oggi, infatti, medici ed infermieri incrociano le braccia per lo sciopero nazionale di 24 ore indetto dal maggiore sindacato degli ospedalieri, l'Anaao Assomed, e dalla Cimo: secondo le previsioni, l'adesione sarà massiccia e potrebbero saltare 1,5 milioni di visite, esami e interventi.

Quella di oggi sarà la prima di una serie di altre proteste: il 18 è infatti in programma un nuovo sciopero deciso dalle altre sigle della Intersindacale medica. Sotto attacco è la manovra, che "non tutela medici e cittadini", e lo slogan unico è 'Salviamo il Ssn'.

Lo sciopero, cui aderisce anche il sindacato degli infermieri Nursing Up, è iniziato alla mezzanotte del 5 dicembre ma saranno garantite le prestazioni d'urgenza, ad esempio l'attività dei Pronto soccorso e del 118 e gli interventi per il parto. A rischio però tutti i servizi, spiega l'Anaao Assomed, compresi gli esami di laboratorio, gli interventi chirurgici (circa 30mila quelli programmati che potrebbero essere rinviati), le visite specialistiche (180 mila) e gli esami radiografici (50mila).

Intanto, governo e partiti lavorano per risolvere il nodo dei previsti tagli alle pensioni della categoria. "Contiamo di poter depositare gli emendamenti" alla manovra "entro questa settimana", dice il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani al termine della riunione con maggioranza e opposizione, raccontando di aver "appena parlato con Giorgetti" e spiegando che il lavoro sulle modifiche, comprese quelle relative ai medici, è ancora "in corso".

Sul tavolo, da settimane, la revisione della norma della manovra che prevede una stretta sulle pensioni dei sanitari e di una serie di altre categorie tra le quali dipendenti di enti locali, maestri e ufficiali giudiziari. Dalla penalizzazione saranno escluse certamente quelle di vecchiaia ma si starebbe cercando una soluzione anche per quelle di anzianità.
Condividi
```